24 agosto 2015 / 16:22 / tra 2 anni

Casamonica, Gabrielli: fatto gravissimo per Roma ma vertici non informati

ROMA (Reuters) - Il funerale-show di Vittorio Casamonica è stato un “fatto gravissimo” per l‘immagine di Roma, ma i vertici delle forze dell‘ordine non sono stati tempestivamente informati di ciò che stava per avvenire.

Un'immagine del funerale di Vittorio Casamonica. REUTERS/Stringer

A distanza di quattro giorni dalle esequie del boss capitolino che hanno rinfocolato le già forti polemiche sulla situazione di degrado che vive la capitale, il prefetto di Roma Franco Gabrielli - su richiesta del Viminale - ha ricostruito in una conferenza stampa quanto avvenuto, sottolineando che si è trattato di una vicenda “gravissima per il disdoro che ha recato, per la percezione di una città non controllata, per l‘immagine della città”.

“Le informazioni c‘erano, ma non hanno raggiunto i vertici delle strutture che potevano assumere iniziative”, ha sottolineato Gabrielli, aggiungendo di non aver mai chiesto la testa di nessuno per quanto successo: “nel caso le teste le fa rotolare il ministro, a partire dalla mia”.

Il 20 agosto scorso, il feretro del boss 65enne, sulle note del “Padrino” e mentre un elicottero spargeva dall‘alto petali di rosa, è stato portato in corteo a bordo di una carrozza d‘epoca fino alla chiesa, nella zona di Cinecittà, tra manifesti affissi ai muri che lo mostravano vestito di bianco, col crocifisso al collo, il Colosseo a fare da sfondo e la scritta “Re di Roma”.

“Se i vertici delle strutture fossero stati posti nella condizione di conoscere la situazione, sicuramente la Questura si sarebbe determinata a far si che le modalità di svolgimento sarebbero state diverse, almeno nella loro manifestazione di potenza”, ha detto il prefetto, aggiungendo di capire “il legittimo e comprensibile sconforto dell‘opinione pubblica”.

Gabrielli ha ricordato che negli ultimi anni le forze dell‘ordine sono state “tutt‘altro che inattive” nei riguardi del clan Casamonica, famiglia di riferimento nell‘ambito del panorama della criminalità romana.

”Negli ultimi 5 anni ci sono stati 117 arresti a danni di membri della famiglia, oltre a sequestri per un valore di

diversi milioni di euro”, ha detto.

Il caso Casamonica ha riportato sotto i riflettori la situazione di difficoltà socio-istituzionale in cui versa Roma la cui immagine era stata nei mesi scorsi già pesantemente compromessa dallo scandalo su Mafia Capitale, il cui processo prenderà le mosse il prossimo 5 novembre nell‘aula bunker di Rebibbia.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below