28 luglio 2015 / 15:30 / 2 anni fa

Lavoro, ministero: irregolarità in 6 aziende su 10 in primo semestre

ROMA (Reuters) - Nei primi sei mesi dell‘anno è sensibilmente aumentata nelle imprese italiane la percentuale di irregolarità riscontrate dagli ispettori del ministero del Lavoro, secondo i dati resi noti oggi dalla Direzione generale per l‘attività ispettiva.

Gli ispettori hanno contestato illeciti a 40.499 aziende, “con un tasso di irregolarità di circa il 59% delle imprese ispezionate, con un sensibile aumento rispetto al primo semestre dell’anno precedente”, spiega una nota.

Sono oltre 18.000 i lavoratori in nero scoperti nel corso delle ispezioni, e 3.873 le aziende sospese “per l’utilizzo di personale non dichiarato in misura pari o superiore al 20% di quello presente al momento dell’accesso”.

Un “notevole incremento” si registra per le “irregolarità, di natura penale, relative alla tutela delle lavoratrici madri e all’impiego di lavoratori extracomunitari clandestini”; in sensibile aumento anche le violazioni riguardanti l‘orario di lavoro.

Le ispezioni sono state nel primo semestre 75.890, a cui si aggiungono 3.882 accertamenti in materia di cassa integrazione, contratti di solidarietà e patronati, precisa la nota.

Per quanto riguarda la vigilanza Inps/Inail, su 20.718 imprese ispezionate nel periodo gennaio-giugno sono risultate irregolari 17.268.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below