March 27, 2020 / 1:54 PM / 4 months ago

Dati attuali obbligano a prolungare durata restrizioni oltre 3 aprile - Css

Un passante con una mascherina protettiva presso la Basilica di San Nicola, a Bari. REUTERS/Alessandro Garofalo

ROMA (Reuters) - I dati attuali, che indicano un rallentamento dell’epidemia di coronavirus ma non un marcato declino, rendono “inevitabile” un prolungamento delle restrizioni volute dal governo per limitare i contagi.

Lo ha detto Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, parlando in conferenza stampa.

“Dovessimo decidere con i dati ad oggi, ritengo inevitabile prolungare queste misure. Non siamo in una fase marcatamente declinante, siamo in fase di contenimento”, ha detto.

Le restrizioni imposte dall’esecutivo sui comportamenti sociali e sulle aperture di negozi e locali scadrebbero il 3 aprile.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

Angelo Amante in redazione a Roma Francesca Piscioneri

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below