November 1, 2019 / 10:43 AM / a month ago

Tavares, uomo della svolta Peugeot, affronta la sfida più grande con merger Fca

PARIGI (Reuters) - Carlos Tavares, ex star Renault a cui viene attribuito il merito di aver rivitalizzato il rivale francese Peugeot, brilla ormai da anni come capo ristrutturatore, tenendo a bada i sindacati e semplificando l’apparato burocratico.

Carlos Tavares, CEO e Presidente di PSA . REUTERS/Christian Hartmann

Ora il 61enne portoghese, amante delle quattro ruote e pilota nel weekend, affronterà la più grande sfida della sua carriera.

L’unione di Peugeot e Fiat Chrysler creerà il quarto produttore automobilistico mondiale con un grande vantaggio nell’ammortamento degli investimenti in vetture elettriche e per ottenere prezzi migliori dai fornitori di componentistica.

Tuttavia, da grandi aziende derivano grandi problemi, come le fabbriche europee sottoutilizzate, i marchi regionali in sovrapposizione e figure amministrative ridondanti.

Inoltre, le case automobilistiche devono vendere veicoli elettrici e far fronte a una competizione proveniente da business nati con la tecnologia digitale e a un imminente calo delle vendite a livello globale.

L’industria automobilistica è alle prese con “dieci anni di caos”. Così disse Tavares ai reporter durante il salone dell’automobile di Francoforte a settembre.

Il track record di Tavares nella ristrutturazione di Peugeot, di cui ha assunto la guida giusto a un soffio dal fallimento nel 2014, e la sua reputazione sono considerati cruciali per la fusione con FCA.

“Se ciò sta accadendo, è perché Tavares è al volante”, commenta una fonte bancaria francese sulle trattative tra PSA e FCA.

Laureato in Francia, Tavares è stato assunto da Renault nel 1981, ma si è fatto conoscere lavorando per il partner giapponese di Renault, Nissan Motor, sotto la guida dell’ex AD Carlos Ghosn. Sotto Ghosn, Tavares ha gestito le operazioni di Nissan in Nord America, per poi diventare COO di Renault e papabile successore di Ghosn nel 2011.

Nel 2013, però, Tavares stanco di aspettare il passo indietro di Ghosn, disse schiettamente che era aperto a diventare CEO da qualche altra parte. Fu allontanato da Ghosn e a gennaio del 2014 Tavares fu assunto da Peugeot, allora in cattive acque e in disperato bisogno di un’inversione di tendenza.

Per spiegare il suo approccio manageriale, Tavares parla di team composti da membri con diverse funzioni per velocizzare le decisioni. “Agilità” è la parola chiave, così come “efficienza ed efficacia”. Durante il salone dell’automobile di Francoforte il mese scorso, si è vantato del fatto che l’area espositiva di Peugeot era un terzo rispetto a quella occupata negli eventi precedenti.

“Quest’uomo è famoso per viaggiare in economy e per non indossare abiti fatti su misura”, scrivono in una nota gli analisti di Bernstein, aggiungendo che PSA non sta pagando più del dovuto per l’unione con FCA, a differenza di quanto detto da altri analisti.

Tavares ha trovato il modo di portare avanti tagli al personale e accordi salariali in Europa che potrebbero essere utili nella fusione tra PSA e FCA, nonostante la probabile resistenza dei sindacati in Italia, Francia e Gran Bretagna.

Presso Opel, ha preferito i licenziamenti volontari anziché tagli al personale obbligati, inclusi anche “bonus di velocità” che offrivano compensazioni migliori per chi preferiva lasciare il proprio posto di lavoro rapidamente.

TAGLI POSTI DI LAVORO

Le tattiche di Tavares per ridurre i costi di Opel si sono dimostrate così efficaci da causare timori che troppi lavoratori con esperienza lasciassero l’azienda.

Tavares ha spinto la competizione tra Peugeot e le ex fabbriche Opel per portare gli operai a ridurre i costi.

Prima di un incontro con i sindacati britannici nel 2018, per discutere tagli al personale nella fabbrica di Vauxhall acquistata con Opel, Tavares ha detto ai giornalisti a Detroit che i costi di produzione nel Regno Unito erano due volte quelli delle fabbriche Peugeot in Francia.

“Ciò che conta è portare le fabbriche (britanniche) ai livelli di costo e qualità dell’Europa Continentale”, ha detto. Una tale schiettezza in pubblico sulle differenze dei costi del lavoro tra fabbriche è atipica.

Opel e Vauxhall hanno visto perdite per 20 miliardi di euro sotto la gestione di General Motors e oltre 18 anni di fila in rosso fino al 2017, quando Tavares ha coordinato l’acquisizione della casa tedesca da parte di PSA.

Nella prima metà del 2019 Opel ha registrato un utile di 700 milioni di euro.

Le piattaforme di assemblaggio di Opel e Vauxhall si sono ridotte da nove a due soltanto.

Un leader sindacalista francese già abituato a confrontarsi con Tavares prevede un approccio simile anche per l’unione tra PSA e FCA.

Le due aziende hanno già annunciato un piano di fusione per creare sinergie annuali per circa 3,7 miliardi di euro, ma senza chiusure di stabilimenti.

“È uno che segue sempre la stessa strategia: tagliare i posti di lavoro e aumentare la produttività”, ha detto Jean-Pierre Mercier, rappresentante in PSA del sindacato di sinistra CGT.

Anche quando fu acquistata Opel, Tavares tagliò circa 3.000 posti di lavoro nelle catene di montaggio francesi di PSA ogni anno, attraverso licenziamenti volontari per ridurre i costi salariali all’11% dei ricavi rispetto dal 15%.

“È molto bravo a ristrutturare”, ha detto Ferdinand Dudenhoeffer, direttore del Center for Automotive Research, aggiungendo che Tavares si concentrerà su “una variabile, ovvero il costo dell’impiegato rispetto ai ricavi”.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below