October 28, 2019 / 3:51 PM / 16 days ago

Zona euro, politica monetaria meno incisiva senza sostegno governi - Draghi

Il Presidente uscente della Banca Centrale Europea Mario Draghi al termine di una conferenza stampa a Francoforte, Germania. REUTERS/Ralph Orlowski

FRANCOFORTE (Reuters) - La politica monetaria della zona euro ha parzialmente perso di potenza ed è meno incisiva, ha quindi bisogno dell’aiuto dei governi per adempiere al proprio mandato, ha detto oggi il presidente uscente Bce Mario Draghi.

“Ci troviamo in una situazione in cui i bassi tassi di interesse non garantiscono un livello di stimolo come è avvenuto in passato, poiché è diminuito il ritorno sugli investimenti nell’economia” ha detto Draghi durante un evento di addio a conclusione del mandato.

“La politica monetaria può ancora raggiungere l’obiettivo, ma può farlo più rapidamente e con meno effetti collaterali se la politica economica sui conti pubblici è in sintonia” ha aggiunto.

Parlando a un pubblico che include la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron, Draghi invita i leader della zona euro a istituire un bilancio unico sufficientemente ampio, in modo da avere una capacità centralizzata per stabilizzare l’unione monetaria, disegnato però in modo da non creare un eccessivo rischio morale.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below