October 10, 2019 / 1:23 PM / a month ago

Erdogan difende attacco Siria dopo ondata di critiche

Il presidente turco Tayyip Erdogan partecipa a una conferenza stampa congiunta con il presidente serbo Aleksandar Vucic a Belgrado, in Serbia, il 7 ottobre 2019. REUTERS/Djordje Kojadinovic

ANKARA (Reuters) - Il presidente turco Tayyip Erdogan ha difeso oggi l’incursione delle truppe turche in Siria, in risposta ad un’ondata di critiche internazionale, sostenendo che l’operazione militare aiuterà a preservare l’integrità territoriale siriana sfidando il controllo curdo nella parte nord-orientale del paese.

“Non sono onesti, sanno solo inventarsi parole”, ha commentato Erdogan riferendosi alle critiche di Arabia Saudita ed Egitto. “Noi invece facciamo, ed è questa la differenza”, ha comunicato ai membri del suo Partito Ak, ad Ankara.

Erdogan ha anche avvertito di essere pronto a trasferire in Europa i 3,6 milioni di rifugiati siriani attualmente in Turchia, qualora i paesi europei definissero l’intervento militare in Siria come un’occupazione.

“Apriremo i cancelli e manderemo 3,6 milioni di rifugiati nella vostra direzione”, ha detto Erdogan durante un discorso ai membri del suo partito.

Secondo Erdogan al momento “109 terroristi” sono rimasti uccisi nell’attacco.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below