December 17, 2018 / 3:16 PM / a year ago

Popolari, gip Roma dispone imputazione coatta broker

ROMA (Reuters) - Il gip di Roma Gaspare Sturzo ha disposto l’imputazione coatta per ostacolo alla vigilanza per Gianluca Bolengo, il broker di Intermonte Sim a cui il 16 gennaio del 2015 l’imprenditore Carlo De Benedetti comunicò di avere saputo dall’allora presidente del consiglio, Matteo Renzi, dell’imminente riforma delle banche Popolari.

Lo riferiscono fonti giudiziarie.

La Procura di Roma aveva chiesto l’archviazione per il broker, che è l’unico indagato. Il pm Stefano Pesci, titolare dell’indagine, si adeguerà alla decisione, chiedendo il rinvio a giudizio per Bolengo, in base alle indicazioni fornite nelle 60 pagine del provvedimento del gip.

Bolengo investì 5 milioni in azioni delle banche popolari per conto di De Benedetti, in vista della riforma che venne approvata il 20 gennaio di tre anni fa.

La procura di Roma ha avviato l’indagine nel 2015, dopo aver ricevuto dalla Consob le risultanze della sua istruttoria. Dopo aver indagato Bolengo e sentito sia De Benedetti che l’allora presidente del consiglio Matteo Renzi, la procura aveva chiesto già due anni fa l’archiviazione del procedimento, ma lo scorso marzo il gip aveva disposto un supplemento di indagine.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia].

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below