9 novembre 2017 / 10:08 / tra 10 giorni

Italia, Ue: bene crescita breve termine ma attenzione ad aggiustamento strutturale

MILANO (Reuters) - La Commissione europea si allinea al governo di Paolo Gentiloni, nonché alla maggioranza degli osservatori internazionali, per constatare che la crescita italiana vedrà quest‘anno una buona accelerazione.

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. REUTERS/Yves Herman

Meno brillante di quanto ipotizza la nota di aggiornamento al Def sono sia la stima per il prossimo anno -- oltre al 2019, cui oggi Bruxelles fa per la prima volta riferimento -- sia soprattutto quella sui conti pubblici, giusto nell‘imminenza del parere definivo Ue sulla manovra in arrivo il 22 novembre.

Una promozione in apparenza già compromessa dalla diversa e divergente valutazione -- da un lato quella del governo, dall‘altro quella Ue -- degli effetti delle misure inserite nella legge di bilancio per l‘anno prossimo.

Si passi direttamente ai numeri delle nuove stime d‘autunno, ricordando che il confronto va al precedente rapporto Ue di maggio e come da sei mesi a questa parte il quadro macro internazionale sia innegabilmente migliorato.

La proiezione di crescita sul 2017 passa da 0,9% a 1,5%, livello identico a quello della Nota di aggiornamento al Def e indicato in mese scorso dal Fondo meonetario internazionale.

La forbice si apre però già sul 2018, per cui la Commissione indica 1,3% (1,1% la scommessa Fmi) contro 1,5% del governo.

Altro dossier ultra delicato quello del debito: dopo il 132% con cui si è chiuso il 2016, le stime Ue indicano per quest‘anno 132,1% contro il 131,6% dell‘aggiornamento al Def, ma non va certo sottovalutato che in maggio la Commissione indicava 133,1%.

Identico discorso sul 2018, per cui il governo indica 130,0% e la Ue 130,8%, ma soltanto in maggio l‘idea era di 132,5%,

Per quanto al modesto ritmo di un decimo, proseguirà anche quest‘anno a parere della Commissione il percorso di accumulo del debito pubblico, anche se Bruxelles parla più bonariamente di “stabilizzazione”, facendo riferimento anche agli aiuti pubblici concessi al sistema bancario.

Nel rapporto di oltre duecento pagine a cura della Dg Economia, all‘Italia nello specifico sono dedicate due sole facciate dal titolo ‘Ripresa in via di rafforzamento nel breve termine’.

Favorita dalla dinamica positiva della domanda interna ed estera, l‘accelerazione 2017 è destinata secondo i tecnici della Commissione a perdere slancio con “venti in poppa meno favorevoli e un peggioramento dello scenario di medio e lungo termine che porterà a una moderazione della crescita nell‘arco temporale delle previsioni” si legge nelle stime d‘autunno.

DIVERSE VALUTAZIONI SU IMPATTO FINANZIARIA 2018

Il giudizio quanto meno controverso sulla legge di bilancio per l‘anno prossimo è stato chiaramente anticipato già in data 27 ottobre, con una lettera inviata a Pier Carlo Padoan -- così come peraltro al collega belga, francese, spagnolo e portoghese -- in cui si parlava apertamente di un aggiustamento strutturale inferiore alle richieste Ue, facendo riferimento al rischio di non centrare gli obiettivi di correzione 2018 e potenzialmente nemmeno quelli 2017.

A Roma era stato inizialmente richiesto di ridurre il deficit strutturale al ritmo di 0,6% del Pil -- vale a dire oltre 10 miliardi -- su cui però già prima dell‘estate il governo ha ottenuto un generoso sconto arrivando allo 0,3%.

Se nella lettera di fine ottobre si parlava di un aggiustamento strutturale di 0,2% contro lo 0,3% delle richieste Ue, dai numeri delle tabelle pubblicate oggi emerge chiaramente che Bruxelles valuta ora a un modesto 0,1% la riduzione del deficit strutturale 2018 in base alla proposta di legge di bilancio ha in mano.

Uno scarto di un decimo come quello indicato nella lettera a Padoan era facilmente imputabile agli arrotondamenti, non così però quando la forbice è dello 0,2%.

Breve cenno infine da parte della Commissione anche al sistema bancario: “i recenti interventi pubblici per far fronte ai gravi rischi delle banche più deboli può contribuire a sbloccare i flussi del credito”.

((Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129854, Reuters messaging: alessia.pe.thomsonreuters.com@reuters.net)) Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon “Pagina Italia” o “Panorama Italia” Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

ondo Roma valutazione seguita dei puntini di sospensione Giudizio il cui valore

valutazione Ue sulla

Redazione Milano, reutersitaly@thomsonreuters.com, +39 02 66129854, Reuters messaging: alessia.pe.thomsonreuters.com@reuters.net Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon "Pagina Italia" o "Panorama Italia" Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below