6 novembre 2017 / 10:53 / 14 giorni fa

Di Maio cancella dibattito tv con Renzi. L'ex premier: io ci sarò

ROMA (Reuters) - Il candidato premier del Movimento Cinque Stelle, Luigi Di Maio, non parteciperà all‘atteso dibattito tv di domani con Matteo Renzi, ritenendo che il leader Pd non sia più il candidato del centrosinistra a Palazzo Chigi dopo la sconfitta in Sicilia.

Il leader dei grillini Luigi Di Maio. REUTERS/Guglielmo Mangiapane

Renzi ha ribattuto che i leader non si sottraggono al confronto, confermando la sua presenza in tv domani.

“Avevo chiesto il confronto con Renzi qualche giorno fa, quando lui era il candidato premier di quella parte politica. Il terremoto del voto in Sicilia ha completamente cambiato questa prospettiva. Mi confronterò con la persona che sarà indicata come candidato premier da quel partito o quella coalizione”, ha scritto Di Maio in un post sulla propria pagina Facebook.

Il faccia a faccia era previsto per domani alle 21,30 su La7. A proporre il dibattito era stato lo stesso Di Maio, la settimana scorsa.

Secondo le proiezioni di Rai e La7, il candidato presidente del centrodestra Nello Musumeci ha vinto le elezioni regionali in Sicilia. Il candidato del M5s Giancarlo Cancelleri lo segue a poca distanza, ma lo spoglio ufficiale è ancora in corso.

“Il Pd è politicamente defunto. A quello che leggo oggi sui giornali in interviste di esponenti Pd, non sappiamo neanche se Renzi sarà il candidato premier del centro sinistra”, ha scritto ancora Di Maio.

La scorsa settimana Di Maio ha superato per la prima volta Renzi in un sondaggio Ixé sulla fiducia nei leader politici. Di Maio è al 32% (dopo il premier Paolo Gentiloni, al 39%), Renzi al 27%.

“Luigi Di Maio mi ha sfidato a un confronto televisivo... Ha fatto tutto lui. Io ho semplicemente accettato perché Di Maio è il leader del Movimento 5 stelle che in tutti i sondaggi se la batte con il Pd per il primo posto nel proporzionale”, ha risposto, sempre su Facebook, Renzi, confermando che domani sera parteciperà alla trasmissione tv “Di Martedì”.

“E siccome due milioni di italiani mi hanno chiesto sei mesi fa di guidare il Pd, ho pensato fosse un gesto di rispetto accettare un confronto pubblico e trasparente davanti agli italiani”, ha concluso l‘ex premier.

(Massimiliano Di Giorgio)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below