2 novembre 2017 / 18:46 / 22 giorni fa

Mps, difensori ex-vertici: Bankitalia sapeva di ristrutturazione Alexandra

FIRENZE (Reuters) - Gli ispettori della Banca d‘Italia avevano a disposizione ogni documento necessario per conoscere la ristrutturazione del derivato Alexandria fatta dal Monte dei Paschi con banca Nomura.

Mps, difensori ex-vertici: Bankitalia sapeva di ristrutturazione Alexandra REUTERS/Stefano Rellandini

E’ la tesi delle difese di Giuseppe Mussari, Antonio Vigni e Gianluca Baldassarri, all‘epoca dei fatti rispettivamente presidente, direttore generale e capo dell‘area finanza della banca di Siena, nell‘ambito del processo d‘appello a Firenze in cui sono imputati per ostacolo all‘autorità di vigilanza.

L‘accusa sostiene che agli ispettori fu tenuto nascosto il “mandate agreement”, cioè il contratto che dava a Nomura l‘incarico di ristrutturare Alexandria, mentre i difensori oggi hanno sottolineato che non solo non venne nascosto il mandate, ma che gli ispettori della Banca d‘Italia videro anche il “deed of amendment”, un documento che rendeva operativi gli accordi fra il Monte e Nomura contenuti nel mandate.

“Gli ispettori avevano tutti gli elementi per poter comprendere quello che poi dicono di non aver compreso”, ha detto l‘avvocato Filippo Dinacci, difensore di Gianluca Baldassarri, presente in aula come gli altri due imputati.

“L‘elemento fondamentale è stato il ritrovamento del deed of amendment che ha gli stessi contenuti del mandate e lo rende operativo: era in possesso degli ispettori di Bankitalia ed è stato acquisito dalla Corte d‘appello”.

L‘importanza di questo documento viene sottolineata anche dal difensore di Giuseppe Mussari, l‘avvocato Tullio Padovani: “E’ venuto fuori di tutto in questo processo d‘appello, a partire dal deed of amendment che noi abbiamo dimostrato essere stato dato agli ispettori della Banca d‘Italia. Nulla è stato nascosto, la documentazione era tutta a disposizione della Vigilanza. La Banca d‘Italia sapeva. Viene quindi da chiedersi: chi ha nascosto cosa? Con la nuova documentazione che abbiamo prodotto alla Corte, il processo che in primo grado era tenuto insieme con lo scotch si è interamente disfatto”.

La sentenza è attesa per il prossimo 7 dicembre.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below