18 ottobre 2017 / 10:45 / un mese fa

Brexit, Gentiloni: Italia collaborativa se nostri cittadini non danneggiati

ROMA (Reuters) - L‘Italia non potrà avere un atteggiamento costruttivo nelle trattative con la Gran Bretagna se i suoi cittadini risulteranno danneggiati dalla Brexit. Lo ha detto oggi il premier Paolo Gentiloni.

La prima ministra britannica Theresa May riceve Paolo Gentiloni al Numero 10 di Downing Street a Londra, lo scorso febbraio. REUTERS/Toby Melville

“Se i nostri concittadini diventano quelli che hanno dei danni da queste dinamiche, sarà molto difficile per noi avere un atteggiamento costruttivo”, ha detto Gentiloni in aula alla Camera, dove è intervenuto in vista del Consiglio europeo del 19-20 ottobre.

“Il governo britannico preferirebbe passare già a parlare dei rapporti futuri” tra Gran Bretagna e Ue, ha spiegato il premier che ha detto di aver sentito ieri la collega Theresa May, ma che è necessario “fare passi avanti sui dossier che si stanno discutendo oggi” tra cui lo status dei cittadini Ue, oltre all‘aspetto finanziario e ai rapporti con l‘Irlanda.

Gentiloni ha detto che si potrebbe comunque arrivare a discutere dei rapporti futuri tra Londra e l‘Unione “già al prossimo vertice europeo dicembre”.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below