16 ottobre 2017 / 15:47 / in un mese

Btp chiudono positivi, meglio di periferia, tasso 10 anni a minimo da circa un mese

MILANO (Reuters) - MILANO, 16 ottobre (Reuters) - Il secondario italiano recupera il calo della prima parte della seduta chiudendo in territorio positivo assieme a quasi tutto il comparto europeo sostenuto dagli sviluppi in politica interna mentre, sullo sfondo, il mercato ragiona su come verrà rimodulato il Qe al meeting Bce della prossima settimana.

Operatori a lavoro. REUTERS/Brendan McDermid

** Attorno alle 17,30, il differenziale di rendimento tra Btp e Bund sul tratto a 10 anni si attesta a 167 punti base dai 166 del finale di seduta mentre il tasso del decennale scende a 2,04%, al minimo da quasi un mese, da 2,06% dell‘ultima chiusura.

** Sostegno alla carta italiana, secondo gli operatori, giunge dal Consiglio dei ministri che ha approvato la legge di Bilancio per il 2018 con, tra l‘altro, il congelamento di Iva e accise, la decontribuzione per i nuovi assunti a tempo indeterminato e le risorse per il rinnovo contrattuale nel pubblico impiego scaduto da diversi anni. Il premier Paolo Gentiloni ha detto di augurarsi che il provvedimento goda di un ampio consenso in Parlamento.

** Per quanto riguarda la legge elettorale, secondo fonti parlamentari e di governo, sbarcherà a giorni in commissione al Senato, mentre dalla settimana prossima sarà in aula, probabilmente con tre voti di fiducia come già alla Camera, per un voto finale prima delle elezioni regionali in Sicilia.

** Sullo sfondo, a penalizzare la carta spagnola, resta la questione catalana che ha visto un inasprimento dei toni tra Barcellona e Madrid, con gli indipendentisti che sfidano la capitale facendo sapere che non risponderanno sull‘indipendenza entro i termini imposti dal governo centrale.

** Secondo una fonte legale inoltre, la procura spagnola ha chiesto di arrestare senza cauzione il capo della polizia catalana, indagato per sedizione.

** Poco prima delle 17,30, il rendimento del decennale spagnolo di riferimento è sceso al minimo di quattro settimane di 1,569% (da 1,587% della chiusura di venerdì) mentre lo spread Spagna-Germania si attesta a 120 punti, sui livelli della chiusura di venerdì sera, e il differenziale Italia-Spagna a 46 punti da 47 dell‘ultima chiusura.

** “In un contesto di volumi sottili, l‘Italia sale più di Spagna e Portogallo. Fanno bene le approvazioni all‘orizzonte di legge elettorale e Def ma c‘è denaro anche perché dalle indiscrezioni emerge una Bce intenzionata a prolungare ancora per diversi trimestri il programma di acquisto titoli”, ragiona un trader di una banca italiana.

** Destinate a incidere sul mercato nei prossimi giorni le corpose aste della zona euro con in testa quelle di Francia e Spagna in agenda per giovedì. Intanto domani la Germania offrirà 4 miliardi in titoli di Stato con scadenza settembre 2019 e la Spagna 3-4 miliardi in titoli a 3 e 9 mesi.

** Giovedì invece Parigi metterà a disposizione degli investitori tra 6 e 7 miliardi in Oat con scadenza tra 2021 e 2024 nonché 1,25-1,75 miliardi in Oati marzo 2025, luglio 2027 e luglio 2032. Nella stessa mattinata Madrid offre tra 4 e 5 miliardi in titoli con scadenza 2021, 2025, 2027 e 2046.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below