12 ottobre 2017 / 09:33 / 6 giorni fa

Istat: corruzione ha coinvolto 1,7 milioni di famiglie italiane

Un palazzo occupato a Roma. REUTERS/Tony Gentile

ROMA (Reuters) - Un milione e 742 mila famiglie italiane, il 7,9% in totale, è rimasto coinvolto in eventi corruttivi quali richieste di denaro, favori, regali o altro in cambio di servizi o agevolazioni.

Lo scrive l‘Istat, in un report che esamina per la prima volta il punto di vista delle famiglie sulla corruzione in Italia. L‘analisi è stata svolta nell‘ambito dell‘indagine 2015-2016 sulla sicurezza dei cittadini, e ha coinvolto un campione di 43.000 persone.

Il 2,7% dei nuclei familiari ha ricevuto richieste di denaro o altra utilità negli ultimi tre anni; l‘1,2% negli ultimi 12 mesi. Tra coloro che hanno pagato, “l‘85,2% ritiene che sia stato utile per ottenere quanto desiderato”, afferma l‘istituto di statistica.

La corruzione ha riguardato “in primo luogo il settore lavorativo (3,2% delle famiglie), soprattutto nel momento della ricerca di lavoro, della partecipazione a concorsi o dell‘avvio di un‘attività lavorativa (2,7%)”.

Richieste di denaro o di favori sono state formulate anche alle famiglie alla ricerca di benefici assistenziali (2,7%). Gli episodi di corruzione non mancano neppure in ambito sanitario (2,4% dei casi).

Il più alto numero di famiglie coinvolte si registra nel Lazio, dove sono il 17,9%. Il minimo si tocca in provincia di Trento (2%). Valori alti anche in Abruzzo (11,5%) e Puglia (11%).

Nell‘Agenda anticorruzione 2017 pubblicata questo mese da Transparency International Italia, si legge che “il quadro normativo anticorruzione per il settore pubblico è nel complesso sufficiente”, con un giudizio di 62 punti su 100.

“A destare preoccupazione è l‘applicazione pratica delle leggi stesse e soprattutto la capacità sanzionatoria e repressiva, che non va oltre un misero 45/100”, avverte Transparency.

Dal 2012, anno del via libera alla legge anticorruzione, l‘Italia ha scalato 12 posizioni nell‘indice di percezione del fenomeno corruttivo nel settore pubblico e politico sviluppato da Transparency. Nel 2016, l‘Italia occupava il 60esimo posto nella graduatoria di 176 paesi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below