7 agosto 2017 / 09:53 / 4 mesi fa

Saipem in consorzio per costruzione raffineria in Uganda

KAMPALA (Reuters) - L‘Uganda ha annunciato di aver siglato un contratto preliminare con un consorzio di investitori, che comprende Saipem, per la costruzione della prima raffineria di greggio nel paese africano.

Secondo le stime dei geologi del governo, l‘Uganda può contare su riserve di greggio pari a 6,5 miliardi di barili, di cui 1,4-1,7 miliardi sono considerate sfruttabili.

Il petrolio dovrebbe cominciare ad essere estratto nel 2020.

Dopo due trattative fallite con raggruppamenti guidati dalla russa RT Global Resources e dalla coreana SK Engineering, il governo ugandese ha raggiunto un accordo sulla realizzazione della raffineria con Albertine Graben Refinery Consortium (Agrc) che, oltre a Saipem, comprende General Electric e l‘indiana Yatra Ventures.

Nel novembre scorso il ministro dell‘energia ugandese, Irene Muloni, aveva preannunciato che Total, una delle tre compagnie che operano nel paese, vorrebbe acquisire una quota fino al 10% nel progetto della raffineria. Il ministro, inoltre, aveva anticipato che Kenya e Tanzania rileveranno, rispettivamente, il 2,5% e l‘8%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below