2 agosto 2017 / 10:08 / tra 3 mesi

Ddl concorrenza diventa legge. Calenda: decreti su singoli settori

Due passeggeri con bagagli al parcheggio dei taxi della stazione Termini a Roma. REUTERS/Max Rossi

ROMA (Reuters) - Il Senato ha votato stamani la fiducia finale al governo alla legge sulla concorrenza, nel testo uscito dalla Camera.

I voti favorevoli sono stati 146, 113 i contrari.

Depositato in Parlamento oltre dee anni fa, il provvedimento recepisce alcune segnalazioni dell‘Antitrust e contiene misure relative a diversi ambiti: assicurazioni, telecomunicazioni, servizi postali, rete carburanti, professioni e farmacie.

Commentando il voto, il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda ha detto che l‘obiettivo è definire “nei tempi più brevi possibili” i decreti attuativi.

Il ministro, che avrebbe voluto inserire nel testo una norma ‘anti scorrerie’, bloccata sostanzialmente dalla contrarietà dell‘ex premier Matteo Renzi, ha auspicato il varo di decreti legge sui singoli settori.

L‘iniziativa di Calenda era scattata dopo che Vivendi, già primo azionista di Telecom Italia, aveva cominciato a rastrellare azioni nel gruppo televisivo Mediaset di cui oggi ha il 29%.

L‘obiettivo era di introdurre anche in Italia, come in Francia, soglie al possesso azionario raggiunte le quali l‘investitore deve dichiarare i suoi obiettivi.

“Nel futuro occorrerà ragionare sull‘opportunità di procedere con un approccio settoriale eventualmente mediante decreti legge elaborati tenendo conto delle indicazioni dell‘Antitrust”, ha detto Calenda.

Soddisfatta l‘Antitrust, che pure sottolinea “i passi indietro della versione approvata rispetto al testo originario” e, come Calenda, chiede interventi di settore “più rapidi e incisivi, non leggi omnibus”.

Tra le misure principali della legge è prevista la liberalizzazione, da luglio 2019, delle tariffe di luce e gas.

Il governo è convinto infatti che la fine del regime di maggior tutela porterà benefici ai consumatori ma sono in molti a nutrire dubbi, all‘interno della maggioranza e tra le associazioni dei consumatori.

In ambito assicurativo il ddl introduce sconti obbligatori sulle polizze Rc auto a favore di chi si fa installare le scatole nere per prevenire le frodi.

Un‘altra misura che ha fatto discutere è la delega al governo per riformare il trasporto pubblico non di linea, cioè i taxi. I titolari di licenza contestano da anni l‘apertura del settore e negli ultimi mesi hanno protestato contro gli Ncc (Noleggio con conducente).

Novità anche sul fronte farmacie, che saranno aperte a soci di capitale. Niente di fatto sulla liberalizzazione dei farmaci di fascia C.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below