21 luglio 2017 / 13:38 / 3 mesi fa

Germania, Merkel potrebbe vincere le elezioni ma perdere ministro delle Finanze

La cancelliera tedesca Angela Merkel e il ministro dell'Economia Wolfgang Schauble al Bundestag di Berlino, il 7 luglio 2016. REUTERS/Hannibal Hanschke

SASBACHWALDEN (Germania) (Reuters) - Il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha conquistato un seggio al parlamento in una dozzina di elezioni, è sopravvissuto a un attentato che lo costringe su una sedia a rotelle da 27 anni e ha guidato Angela Merkel nella difficile crisi dell‘euro. Ora però la cancelliera tedesca potrebbe sacrificarlo per assicurarsi un accordo di coalizione.

I conservatori guidati da Merkel probabilmente vinceranno le elezioni in agenda il 24 settembre ma l‘assenza di una maggioranza in parlamento potrebbe costringerli a formare un governo di coalizione con il partito socialdemocratico Spd.

I leader di quest‘ultimo pretendono in cambio di una riedizione dell‘attuale ‘grande coalizione’ che Schaeuble lasci alla Spd il posto di ministro delle Finanze.

Il ministro conservatore impersonifica il rigore e la stabilità finanziaria che molti tedeschi desiderano ma che i socialdemocratici ritengono eccessivi.

Per gli oppositori politici di Merkel, l‘enfasi di Schaeuble sul fatto che Berlino e i partner della zona euro debbano rispettare le regole di bilancio Ue rischia di negare al presidente francese Emmanuel Macron la flessibilità necessaria per ridare fiato all‘economia.

Se Macron fallisse nell‘obiettivo, teme l‘Spd, l‘Unione europea rischierebbe il collasso e all‘Eliseo tra cinque anni potrebbe arrivare la leader di estrema destra Marine Le Pen.

Il ministro degli Esteri della Spd Sigmar Gabriel ha chiesto a Merkel quale scenario ritenga più oneroso per la Germania: un deficit leggermente più alto in Francia o la Le Pen presidente tra cinque anni.

I colloqui di coalizione sugli incarichi ministeriali non si prospettano facili per Merkel. I vertici delle due formazioni politiche che potrebbero entrare nell‘alleanza di governo con i conservatori della Cdu/Csu -- Spd e il partito liberale -- hanno già fatto capire di puntare al ministero delle Finanze.

“La Spd non ripeterà l‘errore fatto durante i colloqui quattro anni fa”, ha detto Gabriel. Nel 2013 i socialdemocratici si concentrarono su questioni interne, spingendo per l‘introduzione di un salario minimo. Ottennero così il ministero del Lavoro, oltre a quello relativo agli Affari economici e gli Esteri.

Ma il candidato alla cancelleria Spd Martin Schulz ha fattto degli investimenti e della solidarietà in Europa la pietra angolare della propria campagna elettorale. Se i socialdemocratici fossero costretti ad un‘altra grande coalizione con Angela Merkel, “sarebbe molto importante” ottenere il ministero delle Finanze, ha detto a Reuters una fonte di alto livello della Spd.

“Se c‘è una cosa che abbiamo imparato è che non dobbiamo entrare di nuovo in una coalizione senza controllare il ministero delle Finanze”, ha rimarcato il deputato Spd Johannes Kahrs.

Ragionamenti simili si fanno nel partito liberale. Una fonte di alto livello della piccola formazione sostiene che il partito è interessato al ministero delle Finanze ma potrebbe essere difficile ottenerlo.

(Michael Nienaber, Paul Carrel)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below