14 luglio 2017 / 13:36 / 3 mesi fa

Italia, Bankitalia alza Pil 2017 a +1,4%, +1,3% in 2018

ROMA (Reuters) - Il Pil italiano crescerà dell‘1,4% nel 2017 e dell‘1,3% nel 2018 secondo le nuove stime della Banca d‘Italia.

Logo Bankitalia nella sede milanese. REUTERS/Stefano Rellandini/Files

Rispetto al 14 giugno, quando la crescita era indicata quest‘anno a +1,3%, il nuovo quadro riflette “l‘accelerazione dell‘attività economica di inizio anno, nonché sviluppi più favorevoli della domanda estera e dei mercati delle materie prime energetiche”, si legge nel bollettino economico.

Nel 2019, visto a +1,2%, “il Pil recupererebbe interamente la caduta connessa con la crisi del debito sovrano, avviatasi nel 2011. Rimarrebbe tuttavia ancora inferiore di circa il 3% al livello del 2007”.

I rischi di deflazione si sono “sostanzialmente annullati, ma la dinamica di fondo dei prezzi si mantiene contenuta”. L‘indice Ipca dovrebbe crescere dell‘1,4% nel 2017 e dell‘1,1% nel 2018, “per risalire all‘1,6% nel 2019”.

Secondo Bankitalia il secondo trimestre si è chiuso con un Pil in crescita congiunturale di 0,4 punti, analogamente al primo trimestre, circa +1% la produzione industriale.

Sebbene nel primo trimestre gli investimenti siano diminuiti per la prima volta da inizio 2014, nel secondo ”si sarebbe riavviata l‘accumulazione di capitale“ e ”tutti i principali previsori si attendono un‘espansione nel biennio 2017-2018.

Le proiezioni annue di crescita sono più positive di quelle delle principali organizzazioni internazionali: l‘Ocse prevede nel 2017 +1% e l‘Fmi +1,3%.

Per l‘anno in corso le differenze “sono in larga misura attribuibili al miglior andamento acquisito”, dovuto alla revisione del Pil tra ottobre e marzo annunciata da Istat a inizio giugno.

“Sugli scostamenti per il prossimo biennio incidono le ipotesi tecniche circa l‘evoluzione dei conti pubblici, per i quali sia l‘Ocse sia l‘Fmi considerano una correzione maggiore di quanto incorporato in questo scenario”, spiega il bollettino.

Il quadro è soggetto a “rischi prevalentemente al ribasso”: alle incertezze associate ai mercati finanziari si accompagnano quelle connesse con l‘evoluzione delle politiche economiche e commerciali a livello globale.

Per l‘inflazione rischi al ribasso potrebbero derivare da una dinamica salariale più contenuta di quanto prefigurato, mentre l‘evoluzione dei prezzi delle materie prime energetiche nel prossimo futuro continua a essere caratterizzata da un‘elevata incertezza.

L‘attività economica continua ad essere sospinta “soprattutto dalla domanda interna”. Il contributo di quella estera netta, “ancora negativo quest‘anno, diverrebbe pressoché nullo nel 2018-2019”, spiega Bankitalia.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below