23 giugno 2017 / 11:22 / tra 4 mesi

Bazoli su richiesta giudizio Ubi: "assoluta integrità e correttezza mio operato"

BOLOGNA (Reuters) - Giovanni Bazoli, presidente emerito di Intesa Sanpaolo, fra gli imputati -- in qualità di ex presidente del Cdg di Banca Lombarda e Piemontese -- per i quali la procura di Bergamo ha chiesto ieri il rinvio a giudizio nel procedimento sulla governance di Ubi, ha definito una “non notizia” il provvedimento, aggiungendo che “tutte le persone che sono informate dei fatti conoscono perfettamente l‘integrità e l‘assoluta correttezza del mio operato di sempre”.

“Questa inchiesta, che è nata dalla denuncia di un‘azionista di Ubi che aveva delle mire frustrate sulla banca, dura da più di tre anni - ha detto Bazoli a margine di un evento all‘Università di Bologna - e... ha seguito e ferito dolorosamente, oltre a me, una compagine di persone perbene che sono amministratori di Ubi che è una delle migliori e più sane banche del Paese”.

“Fino ad oggi io mi sono attenuto al criterio di non replicare sul piano mediatico alle accuse... - ha proseguito - ... perchétutte le persone che sono informate dei fatti conoscono perfettamente l‘integrità e l‘assoluta correttezza del mio operato di sempre. Non solo. Ma anche i servizi che io ho reso al paese e in particolare al sistema bancario italiano. Sempre, ci tengo a dirlo, in stretto raccordo con le autorità bancarie e istituzionali del Paese”.

“Mi limito a dire che questo provvedimento non è una notizia perché dopo tre anni di indagini era scontato che si procedesse a questa richiesta - ha aggiunto - e che finalmente potremo esplicitare tutte le difese per dimostrare l‘assoluta infondatezza delle accuse davanti a un giudice terzo”.

“A fronte di questa non notizia, richiamo invece l‘attenzione su una vera notizia - ha concluso - Nei giorni scorsi, il primo giudice terzo che si è pronunciato in questa materia è stata la corte d‘appello di Brescia che ha annullato le sanzioni che erano state erogate dalla Consob ravvisando dei comportamenti soltanto colposi degli amministratori e che ha affermato la totale legalità dei comportamenti tenuti dagli amministratori riconoscendo che tutto è avvenuto nel rispetto del protocollo di intesa che ha dato origine alla fusione tra Banche Popolari Unite e la Banca Lombarda e Piemontese”.

A proposito della richiesta presentata ieri dalla procura di Bergamo, l‘avvocato Paolo Tosoni, difensore dell‘ex presidente del consiglio di gestionr di Ubi Franco Polotti, ha scritto a Reuters che il suo assistito “avendo piena fiducia nell‘autorità giudiziaria ritiene di poter dimostrare l‘assoluta correttezza e trasparenza del suo operato e di quello dei colleghi componenti gli organi di gestione della Banca, in ciò confermato dalla recente sentenza della Corte d‘Appello civile di Brescia”.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below