16 giugno 2017 / 08:24 / 6 mesi fa

Veneto Banca, verso sospensione rimborso bond in attesa soluzione salvataggio

ROMA/MILANO (Reuters) - Il consiglio dei Ministri esaminerà oggi un intervento d‘urgenza per sospendere il pagamento del bond subordinato di Veneto Banca in scadenza il 21 giugno.

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan (a sinistra) con il premier Paolo Gentiloni (di spalle a destra). REUTERS/Alessandro Bianchi

Secondo quanto spiega una fonte vicina al dossier, la mossa dell‘esecutivo è propedeutica alla soluzione in corso di negoziato con le autorità europee per il salvataggio di Veneto Banca e Popolare di Vicenza.

Una sospensione del rimborso del bond Veneto Banca così strutturata non costituirebbe un evento di default perché non sarebbe una decisione della banca ma di un‘autorità terza nell‘ambito di un negoziato su aiuti di Stato, spiega la fonte.

D‘altra parte un eventuale rimborso potrebbe creare dei problemi legali a carico al Cda dell‘istituto in vista di un possibile burden sharing che coinvolgerbbe gli altri subordinati.

Il bond decennale lower Tier II di Veneto Banca in scadenza la prossima settimana è stato emesso per un importo nominale di 150 milioni di euro, mentre l‘oustanding è di 86 milioni.

“C‘è ancora bisogno di tempo per trovare la quadra sulla soluzione al salvataggio delle due banche”, dice una fonte che esclude che si arrivi ad una soluzione entro la prossima settimana.

Il ministro all‘Economia Pier Carlo Padoan oggi ha ribadito la sua fiducia in una soluzione positiva a breve.

“Una sospensione del bond di Veneto banca non riguarda la mancanza di liquidità per il rimborso ma piuttosto serve a mettere al riparo gli amministratori da problemi legali”, spiega ancora una seconda fonte vicina alla situazione.

Per Craig Byrne, Partner International Capital Markets Allen & Overy, “dovendo assumere una decisione sul rimborso nella situazione critica in cui versa la banca si potrebbe ledere la par condicio creditorum in caso di pagamento del bond o dar luogo a un inadempimento in caso contrario”.

Non è stato possibile al momento avere un commento da Veneto Banca.

MANCA CONSENSO SISTEMA SU APPORTO CAPITALI PRIVATI

La ricerca di capitali privati aggiuntivi per 1,25 miliardi chiesti dalla Ue per il via libera alla ricapitalizzazione precauzionale, parte del piano per coprire una carenza di capitale da 6,4 miliardi, prosegue ma non senza difficoltà per la mancanza di un consenso generale di sistema su base volontaria.

Mercoledì scorso, il ministro dell‘Economia Pier Carlo Padoan, oltre a ribadire che la soluzione per il salvataggio dei due istituti non prevede alcuna forma di bail-in, ha chiarito che un intervento di sistema ha natura volontaria e non può essere un‘iniziativa pubblica..

UniCredit e Intesa SP sono in prima linea, ma l‘esecutivo vuole coinvolgere anche altre banche italiane e ridurre la richiesta Ue. Tranne qualche apertura di disponibilità a partecipare, ma solo nell‘ambito di un intervento di sistema - come quella di Banca Mediolanum, Unipol Banca e Poste Italiane - c‘è un clima di freddezza da parte di istituti del calibro di Ubi, Banco Bpm, Cariparma.

“C‘è un grande movimento ma non si è ancora trovato il consenso”, commenta la fonte. Un‘altra fonte aggunge che non c‘è neanche certezza che le autorità europee non chiedano altri apporti di capitale.

Alcune fonti tornano a puntare sull‘ipotesi che siano solamente le due banche leader in Italia a farsi carico del salvataggio in un operazione dai contorni ancora nebulosi.

Secondo le stesse fonti, inoltre, il piano di fusione tra le due banche venete sembrerebbe allontanarsi anche per una mancanza di piena condivisione della Bce e questo potrebbe aprire la strada all‘acquisto da parte di Intesa e Unicredit di una banca a testa sulla falsariga di quanto accaduto in Spagna con la risoluzione del Banco Popular poi acquistato dal Santander per un euro.

Per altre fonti invece, le due banche non sarebbero disponibili a rilevare le banche venete, operazione che potrebbe costringerle a chiedere nuove risorse agli azionisti (il Santander farà un aumento di capitale da 7 miliardi) e che non presenta una logica industriale sufficientemente forte.

- hanno collaborato Paola Arosio, Gianluca Semeraro, Valentina Za.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below