15 giugno 2017 / 11:07 / tra 6 mesi

Manovra, Senato vota fiducia a governo su decreto, è legge

ROMA (Reuters) - Con 144 voti favorevoli e 104 contrari, il Senato ha votato la fiducia definitiva al governo sulla manovra correttiva.

(Blank Headline Received)

Il decreto sarà quindi convertito in legge con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale.

Non hanno partecipato al voto i 16 senatori Mdp, gli scissionisti del Partito democratico, che contestano la reintroduzione dei voucher sotto forma di ‘Libretto famiglia’ e ‘Contratto di prestazione occasionale’ per le imprese con al massimo cinque dipendenti.

Le assenze tra le fila dell‘opposizione hanno permesso all‘esecutivo di ottenere la fiducia senza la maggioranza assoluta di 160.

Il decreto riduce il deficit strutturale, calcolato al netto del ciclo e delle una tantum, di 3,4 miliardi (0,2 punti di Pil) come chiesto dalla Commissione europea. Il grosso delle risorse deriva da maggiori entrate.

Nella parte dedicata alla lotta all‘evasione, la misura principale è l‘estensione a società quotate e controllate da amministrazioni pubbliche dello split payment, cioè il principio che siano le pubbliche amministrazioni a versare l‘Iva al posto dei fornitori privati.

È anche prevista una stangata sui giochi d‘azzardo. Non solo aumenta il prelievo erariale unico (Preu) ma entro il primo semestre 2018 saranno eliminate oltre 100.000 slot machine.

Vengono inoltre assoggettati a una cedolare secca del 21% gli affitti brevi tramite il portale Airbnb.

I nuovi voucher, introdotti alla Camera, hanno un importo massimo annuale che non potrà superare i 5.000 euro sia per lavoratore sia per datore di lavoro, con un ulteriore limite di 2.500 euro per le prestazioni al singolo datore.

Un‘altra modifica di rilievo riguarda la cosiddetta web tax volontaria, con la quale governo e maggioranza vogliono incentivare un accordo preventivo tra multinazionali del Web e Agenzia delle entrate.

In ambito finanziario il decreto esclude i fondi pensione dal bail-in e introduce nuove norme per facilitare la cessione di crediti deteriorati tramite le cartolarizzazioni.

Per decongestionare i lavori parlamentari, in manovra è stato inserito il decreto che disciplina il prestito ponte da 600 milioni ad Alitalia. Il tasso di interesse è di circa il 10%.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below