7 giugno 2017 / 09:18 / tra 6 mesi

Venete, fonte governativa: unica strada è ricapitalizzazione precauzionale

ROMA (Reuters) - Il governo non esplora altre ipotesi per salvare Popolare Vicenza e Veneto Banca oltre a quella di negoziare con l‘Europa l‘autorizzazione a una ricapitalizzazione precauzionale degli istituti che riceverebbero così soldi pubblici.

Il logo di Veneto Banca, a Venezia. REUTERS/Alessandro Bianchi/File Photo

Lo ha detto una fonte governativa dopo che oggi il Corriere della Sera ha menzionato una soluzione basata su una liquidazione ordinata delle banche, riferendosi a una comunicazione bancaria della Commissione Ue del 2003 e in particolare agli articoli 65-67. Non è chiaro però se questa comunicazione sia stata superata dalla successiva entrata in vigore della direttiva sulla risoluzione delle crisi.

Secondo la fonte, comunque, la strada seguita è sempre quella di cercare accordo con l‘Ue sulla ricapitalizzazione precauzionale e non ci sono per ora altre ipotesi visto che l‘Italia esclude il bail in e la risoluzione in generale.

Ieri il sottosegretario all‘economia Pierpaolo Baretta ha detto che il fallimento delle due banche venete in crisi avrebbe effetti sistemici non solo per la Regione ma per l‘Italia. Per questo, il governo esclude l‘ipotesi di bail-in ma aspetta comunque il via libera di Bruxelles per la richiesta ricapitalizzazione precauzionale. [nL8N1J34DX]

(Giuseppe Fonte)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below