29 maggio 2017 / 09:40 / tra 6 mesi

Parmalat, assemblea respinge richiesta Amber di azione responsabilità

MILANO (Reuters) - L‘assemblea di Parmalat, dominata dall‘azionista di controllo Lactalis con l‘89,632% del capitale, ha respinto la richiesta del socio di minoranza Amber di promuovere un‘azione di responsabilità contro gli ex consiglieri di Parmalat Antonio Sala, Marco Reboa, Francesco Gatti, Daniel Jaouen e l‘attuale AD Yvon Guerin “in relazione a tutti i fatti compresi nella relazione sindacale all‘ordine del giorno”.

All‘assemblea era presente il 95,58% del capitale. La mozione di Amber ha ricevuto voti contrari pari al 90,26% del capitale sociale e voti favorevoli pari al 5,32%. Amber si è presentata in assise con una quota del 3,859%.

L‘assemblea di oggi era stata convocata per deliberare in merito alla relazione del collegio sindacale ex articolo 2408 del codice civile, relativa al ‘cash pooling’ tra Parmalat e la sua controllante e all‘operazione di acquisizione di LAG dalla stessa Lactalis, e a un‘eventuale azione di responsabilità nei confronti di amministratori in carica negli esercizi 2011-2012.

Lo scorso 8 maggio il Cda di Parmalat aveva già reso noto di non ritenere che sussistessero le condizioni per un‘azione di responsabilità nei confronti degli amministratori in carica all‘epoca dell‘operazione di ‘cash pooling’ che ha portato la liquidità della società nelle mani dell‘azionista di riferimento Lactalis. [ID:nL8N1IA52C]

Amber ha invece chiesto l‘azione di responsabilità. In un‘infuocata assemblea i suoi esponenti hanno rimarcato come il cash pooling sia costato diversi milioni di euro alla società e hanno nuovamente criticato l‘operazione che ha portato Parmalat ad acquistare LAG da Lactalis nel 2012.

La richiesta di Giorgio Martorelli di Amber Capital che Lactalis non partecipasse alla votazione non è stata accolta, in quanto ritenuta non fondata.

La presidente Gabriella Chersicla, dopo il saluto iniziale, ha lasciato che fosse l‘amministratore indipendente Pier Giuseppe Biandrino a presiedere l‘assemblea. Come specificato in seguito, la presidente di Parmalat non ha voluto presiedere l‘assemblea per ragioni di opportunità dal momento che “era in carica quale amministratore nell‘ultimo mese e qualche giorno di vigenza del contratto di cash pooling”.

Nel corso della discussione è inoltre emerso che la prossima udienza del processo che vede Parmalat chiedere un risarcimento a Citibank si terrà il prossimo 6 giugno e non domani come previsto inizialmente.

(Elisa Anzolin)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below