3 marzo 2017 / 09:42 / tra 9 mesi

Italia strappa crescita Pil 1% in 2016, attesa replica in 2017

ROMA/MILANO (Reuters) - Sono stati essenzialmente gli investimenti a dare il contributo decisivo alla crescita dell‘economia italiana nel quarto trimestre del 2016, anno che ha registrato un incremento medio del Pil di 0,9% in termini grezzi e di 1% tenendo conto della correzione del dato per i giorni lavorativi, due in meno rispetto al 2015.

Un'operaia a lavoro. REUTERS/Giulia Segreti

Istat stamane ha diffuso il dato finale del quarto trimestre, confermando una crescita congiunturale di 0,2% tra ottobre e dicembre, mentre è stato rivisto leggermente al ribasso il tendenziale, a +1% da +1,1%.

Guardando lo spaccato dei contributi alla crescita, il quarto trimestre conferma il leit motiv che ha contraddistinto il 2016, ovvero una crescita guidata essenzialmente dalla domanda nazionale.

Quest‘ultima nel complesso ha dato un apporto di 4 decimi di punto, suddivisi (considerando gli arrotondamenti) tra 0,2 punti forniti dagli investimenti fissi lordi, 0,1 punti assicurati dalla spesa della pubblica amministrazione e un contributo nullo della spesa delle famiglie.

Le scorte hanno sottratto due decimi di punto, mentre la domanda estera netta, che nel terzo trimestre aveva limato due decimi di punto, ha offerto un contributo nullo alla crescita.

L‘ultimo trimestre del 2016 offre dunque uno spaccato in linea con lo schema di crescita che -- a detta degli economisti -- dovrebbe caratterizzare quest‘anno, in cui le famiglie dovrebbero tornare a mostrare una maggiore prudenza, mentre investimenti ed export dovrebbero assumere un ruolo più consistente.

In termini quantitativi, nelle attese di governo e della Commissione europea, che rispecchiano complessivamente quelle di altri previsori privati e istituzionali, il Pil italiano dovrebbe espandersi di 1% quest‘anno, essenzialmente replicando la crescita del 2016, preceduta da un‘espansione di 0,8% nel 2015.

Non mancano i rischi, di natura soprattutto politica, sia interna che internazionale, possibile miccia di nuove turbolenze finanziarie. Tali rischi però al momento non sembrano pregiudicare la prosecuzine della crescita economica, dopo la lenta uscita dalla recessione nel 2014.

Le indagini congiunturali sui direttori acquisti di gennaio e febbraio hanno segnalato una prosecuzione, se non una marginale accelerazione, dell‘economia nel primo trimestre del 2017. Secondo Istat, la crescita del Pil acquisita per quest‘anno al momento è pari a 0,3%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below