27 febbraio 2017 / 16:43 / 8 mesi fa

Btp chiudono in lieve rialzo dopo ingenti aste, appeal carta italiana

MILANO (Reuters) - Il secondario italiano archivia con un prevalente segno ‘più’ una seduta di pesanti aste,dopo varie giornate di debolezza che hanno portato lo spread a 203 punti base. Un differenziale di rendimento che, a dire dei trader, ha reso la carta italiana interessante per gli investitori.

** Il Tesoro ha collocato stamane ben 10 miliardi complessivi di titoli di Stato a medio lungo termine, il massimo di una forchetta d‘offerta di 8-10 miliardi. Fra i titoli in asta, anche 4 miliardi del nuovo quinquennale marzo 2022, il cui rendimento medio è salito a 1,11%, massimo da giugno 2015, da 0,92% del precedente collocamento, di fine gennaio, quando in offerta c‘era il vecchio benchmark novembre 2021 cedola 0,35%.

** Attorno alla chiusura,entrambi i Ccteu posti in asta, il dicembre 2022 e il febbraio 2024, sono in rialzo in termini di prezzo.

** “Non ci sono driver particolari per questo recupero, a meno che non si vogliano considerare le notizie provenienti dal fronte bancario italiano” dice un trader, facendo riferimento alla buona performance di Intesa Sanpaolo dopo il suo no a un progetto di integrazione con Generali.

** La carta tedesca non sembra però intaccata da una ripresa dell‘appetito di rischio. “La Germania continua a salire per effetto del Qe” dice ancora il trader.

** Per leggere un commento a caldo degli strategist dopo le aste cliccare su.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below