24 febbraio 2017 / 10:22 / tra 9 mesi

Pd, in sondaggi scissione costa 2-3 punti percentuali

ROMA (Reuters) - L‘impatto della scissione sui consensi al Pd si limita al 2-3% di calo, secondo due sondaggi pubblicati oggi.

Il leader della minoranza Pd Pierluigi Bersani. REUTERS/Tony Gentile

Una settimana prima della scissione, dice Swg, il partito democratico si attestava al 31%, mentre dopo lo strappo della sinistra interna si è portato al 28.

Lievemente più contenuto il ribasso secondo Agorà-Ixé, che vede i democratici passare dal 30,4% al 28,1%, mentre sono in risalita i 5 stelle che arrivano a quota 27,8% dal 27 di una settimana fa.

Secondo Ixè, oltre 8 elettori su 10 confermano il proprio voto al Pd anche dopo la decisione di Pierluigi Bersani, Massimo D‘Alema, Enrico Rossi e Roberto Speranza di uscire dal partito.

Il 13%, infatti, dichiara che non voterà più i democratici a seguito della scissione.

La nuova formazione, che si attesta, secondo Swg, poco sopra il 3% a livello di intenzioni di voto, andrà a confluire in un‘area di sinistra che, nel suo insieme, raccoglie poco meno del 10% (Campo Progressista 3,9, Sinistra italiana 1,5%, Rifondazione comunista 0,8).

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below