3 febbraio 2017 / 19:04 / tra 10 mesi

Processo S&P, difesa agenzia chiede assoluzione "perché fatto non sussiste"

TRANI (Reuters) - L‘avvocato difensore di S&P, Antonio Golino, ha chiesto l‘assoluzione per l‘agenzia di rating e per altri due imputati nel processo in corso a Trani con l‘ipotesi di reato di manipolazione del mercato, per la diffusione intenzional ai mercati, tra il 2011 e il 2012, informazioni “distorte e tendenziose” sull‘affidabilità creditizia italiana.

Nella sua arringa il legale ha sostenuto che la procura non ha dimostrato le accuse. “Non è stato spiegato che vantaggio avrebbe avuto l‘agenzia da un rating manipolato”.

Secondo il legale “non è stato dimostrato in alcun modo il vantaggio che avrebbe ottenuto l‘ente” e il pm Michele Ruggiero non ha dimostrato nemmeno come i “controlli sarebbero stati inefficaci”.

Per questi motivi, l‘avvocato ha chiesto l‘assoluzione dell‘agenzia di rating “perché il fatto non sussiste” e anche per altri due imputati, gli analisti Eileen Zhang e Franklin Crawford Gill.

La prossima udienza si terrà il 23 febbraio.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below