16 gennaio 2017 / 15:02 / 9 mesi fa

Saipem Algeria, unificati due processi su presunte tangenti

MILANO (Reuters) - Sono stati unificati in un unico processo i procedimenti giudiziari che vedono coinvolti Eni e Saipem nell‘ambito dell‘inchiesta sul presunto pagamento di tangenti in Algeria per ottenere alcuni contratti.

Lo riferiscono fonti legali, precisando che la prossima udienza si terrà il 6 febbraio con il nuovo collegio formato dopo la richiesta di astensione del giudice Oscar Magi da parte delle difese.

Al centro del processo in corso a Milano c‘è la vicenda di sette contratti d‘appalto in Algeria del valore complessivo di 8 miliardi di euro. Fra gli imputati, oltre a Saipem, l‘ex presidente Pietro Tali, l‘ex-direttore operativo Pietro Varone, Farid Bedjaoui (intermediario Saipem in Algeria e braccio destro del ministro dell‘Energia Chekib Khelil), Samyr Ouaraied e l‘ex-dirigente Alessandro Bernini, accusati di concorso in corruzione internazionale e fraudolenta dichiarazione dei redditi.

Ora è stato accorpato anche lo stralcio che ha visto il rinvio a giudizio tra gli atri di Eni e del suo ex AD Paolo Scaroni.

Tutti gli imputati hanno sempre respinto ogni addebito.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below