21 dicembre 2016 / 08:35 / tra 10 mesi

Borsa Milano chiude in lieve calo, Mps cede 12%, bene Mediaset con volumi

Un trader di UniCredit al suo posto di lavoro a Milano. Foto del 13 giugno 2013. REUTERS/Alessandro Garofalo

MILANO (Reuters) - Piazza Affari archivia la seduta in moderato ribasso, in sintonia con le altre borse europee e con Wall Street, con l‘attività che comincia ad assottigliarsi in vista del periodo festivo.

A Milano a tenere banco, su due fronti contrapposti, sono ancora una volta Mps e Mediaset.

L‘indice FTSE Mib chiude in calo dello 0,16% mentre l‘Allshare sale di un frazionale 0,03%. Volumi nel finale intorno a 2,3 miliardi di euro.

In Europa il benchmark FTSEurofirst 300 è in calo dello 0,3% circa e anche a New York gli indici arretrano marginalmente.

** Giornata sulle montagne russe per MPS, che in mattinata ha tentato di recuperare il segno positivo sulla scia del sì del Parlamento all‘aumento del debito pubblico sino a 20 miliardi in caso di salvataggio delle banche. Il titolo ha però poi terminato la seduta in calo di oltre il 12% (con scambi doppi rispetto alla media a 30 giorni) mentre prende sempre più piede la convinzione che la strada dell‘operazione di mercato sia ormai prossima al fallimento. Secondo quanto riferito a Reuters da fonti, l‘ipotesi di un investimento fino a 1 miliardo di euro del fondo sovrano del Qatar è tramontata e l‘aumento di capitale, aperto fino a domani alle 14 per gli istituzionali, non raccoglie richieste da parte degli investitori in assenza di un anchor investor.

** Leggermente positivo il paniere delle banche italiane, a fronte di un -0,4% del comparto europeo. UBI svetta con quasi +2% mentre fuori dal FTSE Mib CARIGE perde l‘1,4%.

** Brillante MEDIASET dopo che Vivendi ha ulteriormente rafforzato la propria partecipazione a un soffio dal 26%. Il titolo sale del 2,8% con volumi anche oggi molto intensi (circa il 6% del capitale).

** Le mid cap vedono ASTALDI festeggiare con un +8,6% l‘accordo per il completamento del progetto idroelettrico Muskrat Falls, in Canada.

** Tra i minori si segnala anche il progresso a due cifre (+17,9%) di STEFANEL.

** Sull‘Aim balza del 12% GO INTERNET dopo la sottoscrizione dell‘accordo definitivo con Open Fiber, che regola i termini e le condizioni per la fornitura di accessi di connessione a banda ultra larga in modalità Ftth.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below