9 novembre 2016 / 10:52 / un anno fa

Vittoria Trump, aumentano visite degli americani a siti immigrazione di Canada e Nuova Zelanda

TORONTO/WELLINGTON (Reuters) - Il più grande sito per l‘immigrazione canadese sembra essere andato in crash e la Nuova Zelanda ha registrato un aumento del traffico da persone di nazionalità Usa sul suo sito per la richiesta di visti, nelle ore prima della conferma della vittoria alla presidenziali Usa di Donald Trump.

Oppositori del neopresidente Usa Donald Trump durante una marcia di protesta a Oakland, California. REUTERS/Noah Berger

In Nuova Zelanda, i funzionari per l‘immigrazione hanno riferito a Reuters che il sito Now, che gestisce i visti per gli studenti e per chi richiede la residenza, hanno ricevuto dal primo novembre 1.593 registrazioni da cittadini Usa. In pratica una settimana hanno ricevuto oltre il 50% di richieste in più rispetto a quanto accade in un mese tipo.

Le visite al sito dagli Usa sono salite di circa l‘80% a 41.000 dal 7 ottobre al 7 novembre, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Anche il sito canadese per l‘immigrazione sembra essere particolarmente trafficato, e diversi utenti che hanno cercato di accedervi hanno registrato un messaggio di errore sulla pagina.

Funzionari canadesi non sono stati raggiungibili per un commento, ma i problemi del sito sono stati sottolineati da molti su Twitter.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below