9 novembre 2016 / 08:42 / in un anno

Trump: raddoppieremo crescita, stop a divisioni

Donald Trump con i suoi supporter a Manhattan, oggi. REUTERS/Carlo Allegri

NEW YORK (Reuters) - Il neo-presidente degli Stati Uniti, salendo oggi sul palco del suo quartier generale a Manhattan, ha detto che “è tempo per l‘America di curare le ferite della divisione” e ha promesso una “crescita doppia” per l‘economia.

Dopo aver reso noto di aver ricevuto la telefonata con cui la candidata Hillary Clinton ha ammesso la sconfitta, l‘imprenditore 70enne di New York ha chiesto unità, si è impegnato a essere il ”presidente di tutti gli americani“, e ha definito la sua non una campagna elettorale, ma un movimento”.

Il nuovo inquilino della Casa Bianca ha promesso che si occuperà degli “uomini e alle donne dimenticati degli Stati Uniti”, che risistemerà le zone più degradate delle città e ricostruirà “autostrade e infrastrutture”, mettendo al lavoro “milioni di persone”, seguendo un progetto “di crescita nazionale e rinnovamento”.

“Per fare davvero la storia, dobbiamo fare un gran lavoro”.

“Abbiamo un grande piano economico, raddoppieremo la nostra crescita e avremo un‘economia più forte”, ha detto ancora Trump.

Sul piano internazionale, il neo-presidente ha detto che punterà sulle partnership e non sull‘ostilità, cercando un “terreno comune”, e che l‘America intende rapportarsi “correttamente” con ogni paese.

Sul sito it.reuters.com le notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below