23 dicembre 2015 / 09:31 / 2 anni fa

Borsa Milano tonica in chiusura con auto, energetici ma sottoperforma Europa

MILANO (Reuters) - Piazza Affari chiude in rialzo di poco meno del 2% l‘ultima seduta prima delle feste natalize, restando tuttavia indietro rispetto agli altri listini europei.

Operatori di borsa a lavoro. REUTERS/Lucas Jackson

** Il FTSEMib ha guadagnato l‘1,88%, l‘Allshare l‘1,68%. Volumi per un controvalore di 1,5 miliardi di euro. L‘indice europeo FTSEurofirst 300 è salito di quasi il 3% grazie anche all‘effervescenza dei titoli dell‘industria estrattiva che non sono rappresentati nel listino italiano.

** A frenare Milano è la debolezza di alcuni bancari; titoli che hanno sovraperformato il settore e l‘indice quest‘anno come INTESA SANPAOLO e POP MILANO hanno terminato in territorio negativo o appena sopra la parità. Altri gruppi considerati più fragili e dunque “puniti” dalle vendite come MPS (-35% da inizio anno) e CARIGE (-33%) balzano viceversa di oltre tre punti percentuali.

** L‘indice delle blue chip è trainato dai titoli sensibili alle oscillazioni del prezzo del greggio che risale dai minimi del 2004. Il paniere di settore europeo oil & gas avanza di oltre il 4%. SAIPEM, TENARIS ed ENI salgono di oltre il 3%.

** Rialza la testa anche il lusso con TOD‘S e BRUNELLO CUCINELLI in rialzo di quasi il 3%.

** Acquisti anche sul settore automotive con CNH e FIAT CHRYSLER +4%, meglio del comparto europeo. Un broker ritiene che Fiat Chrysler, al netto di Ferrari agli attuali prezzi di trattazione a New York, valga circa 7,7 euro, ovvero a multipli EV/Ebitda 2016 di 2,2 volte, a sconto di circa il 30% rispetto ai peer europei e Usa.

** Proseguono le vendite su ANIMA, che già ieri aveva lasciato sul terreno il 3% circa in scia al downgrade di un broker.

** PININFARINA ha terminato in calo del 29% circa a 3 euro dopo essere stata in asta di volatilità durante la seduta. Il titolo si mantiene tuttavia ancora ben al di sopra del prezzo di 1,1 euro dell‘Opa di Mahindra & Mahindra.

** Finisce a più riprese in asta anche TREVI FINANZIARIA che poi chiude con +14,5% a 1,58 euro. Secondo un trader il balzo è da collegarsi alle attese per l‘assegnazione dei lavori per la messa in sicurezza della diga di Mosul in Iraq.

** Debutto in rialzo per Prima Vera all‘Aim dopo la fusione con la Spac GreenItaly1, con l‘obiettivo di passare all‘Mta già ad aprile.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below