18 dicembre 2015 / 14:26 / tra 2 anni

Renzi: preoccupante salute banche locali tedesche, sistema italiano più forte

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi. REUTERS/Francois Lenoir

BRUXELLES (Reuters) - L‘Italia è stato il primo paese ad applicare le nuove regole europee sui salvataggi bancari, lo ha fatto perché lo ha chiesto la Ue e ha potuto permetterselo perché il suo sistema bancario è forte e più sano di quello tedesco.

Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi in conferenza stampa a Bruxelles al termine del Consiglio europeo, dove c‘è stato un confronto sull‘unione bancaria con la cancelliera Angela Merkel ma “nessun attacco alla Germania”.

“Quando si tende a far credere che la Germania sia il donatore di sangue dell‘Europa agli occhi esterni non appare così”, ha detto il premier.

L‘Italia continua a spingere per arrivare ad un accordo sullo schema di garanzia dei depositi. La Germania frena perché vuole evitare che le sue banche siano chiamate ad accollarsi i costi per tutelare i cittadini di altri Stati europei.

“Nel semestre di presidenza olandese, in sede Ecofin e di Eurogruppo, si discuterà di questo”, dice Renzi.

Riferendosi al salvataggio di Banca Etruria, Banca Marche, Carife e CariChieti, Renzi ha osservato che l‘Italia “è stata la prima ad applicare il bail-in”.

“La forza del sistema bancario [italiano] consente di reggere” l‘urto del salvataggio, ha detto il premier augurandosi, se capitasse ad altri Paesi, che abbiano altrettanta forza “in una situazione tutt‘altro che semplice”.

Renzi ha difeso la validità del decreto che ha fatto perdere soldi ad azionisti e obbligazionisti subordinati ma salvando i risparmi di un milione di persone e tutti i posti di lavoro negli istituti e nell‘indotto.

Tuttavia il premier ha definito “lunari” le dichiarazioni del commissario ai servizi finanziari Jonathan Hill secondo cui la decisione di come intervenire è stata presa autonomamente dall‘Italia.

“Abbiamo una lettera di Hill che ci diceva cosa bisognava fare e cosa no”, ha detto Renzi.

Poi il presidente del Consiglio italiano ha ricordato che “lo stato di solidità delle banche italiane è oggi migliore di quello tedesco”, citando in particolare la situazione delle casse di risparmio e delle banche territoriali tedesche.

“Se io fossi un amministratore tedesco mi preoccuperebbe molto. È un sistema che io rispetto ma il nostro è molto più solido”, ha detto.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italianoLe top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below