4 dicembre 2015 / 11:31 / tra 2 anni

Ocse: Pil trim3 Italia non preoccupi, scelta Bce corretta

MILANO (Reuters) - La lettura piuttosto deludente sulla crescita italiana nei tre mesi al 30 settembre non dovrebbe costituire fonte di particolare preoccupazione, dal momento che l‘elemento chiave è il proseguimento nel percorso delle riforme che possono rafforzare il potenziale di espansione della congiuntura.

Lo dice a Reuters Rintaro Tamaki, vicesegretario generale Ocse, a margine di un convegno milanese.

L‘alto esponente dell‘Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico si sofferma brevemente anche sulle misure di stimolo introdotte ieri dal consiglio Bce per definirle impostate in direzione giusta.

“Non ci si deve preoccupare di un solo trimestre - è il commento sul Pil italiano - L‘importante è che le riforme stanno proseguendo e gradualmente innalzeranno il potenziale di crescita”.

Soltanto martedì Istat ha confermato che nel terzo trimestre il prodotto interno lordo è cresciuto al ritmo congiunturale di 0,2% e rivisto al ribasso il dato a perimetro annuo, portandolo da 0,9% a 0,8%.

“La direzione è quella giusta, la Bce deve mantenere una politica espansiva” dichiara invece all‘indomani del verdetto Bce su tassi e ‘quantitative easing’.

(Elvira Pollina)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below