17 giugno 2015 / 15:30 / tra 2 anni

Grecia disponibile a concessioni ma senza tagli a pensioni, dice capo negoziatore Atene

ATENE (Reuters) - La Grecia è disponibile a fare concessioni per raggiungere un accordo con i suoi creditori a patto che l‘accordo sia “economicamente praticabile” ma non taglierà le pensioni attuali, secondo quanto dichiarato a Reuters dal capo dei negoziatori greci.

Greek Deputy Foreign Minister and coordinator of the negotiating team for the talks between Greece and its international lenders, Euclid Tsakalotos, gestures during an interview with Reuters at his ministerial office in Athens June 17, 2015. Greece is willing to make concessions to strike a deal with creditors as long as it is "economically viable", but will not cut its existing pensions, a top Greek negotiator told Reuters on Wednesday. The comments by Euclid Tsakalotos were the clearest sign since the collapse of talks at the weekend that Greece still has room to offer some ground to lenders despite its hardline rhetoric against their demands. REUTERS/Alkis Konstantinidis - RTX1GXER

I commenti di Euclid Tsakalotos sono il segnale più chiaro arrivato dalla rottura delle trattative nel fine settimana che la Grecia ha ancora spazio di manovra per trattare nonostante la retorica intransigente.

Atene potrebbe accettare un accordo solo se fosse sostenibile e affrontasse le questioni relative a debito, finanziamenti e investimenti, ha detto Tsakalotos.

“Se ci sono queste condizioni, allora il governo greco firmerà l‘accordo”, ha detto Tsakalotos. “... Altrimenti non ha senso firmare qualche cosa che si sa destinato a fallire”.

Tsakalotos ha smentito le indiscrezioni secondo le quali i partner europei avrebbero parlato di “Grexit” per esercitare pressione durante le trattative ma ha confermato che Atene ad oggi non ha i soldi per rimborsare i 1,6 miliardi di euro dovuti al Fmi il 30 giugno senza un accordo con i creditori per sbloccare gli aiuti.

Tsakalotos ha suggerito che un modo per non aumentare il peso del debito greco potrebbe essere trasferire i bond greci dalla Banca centrale europea al fondo di bailout europeo (ESM o European Stability Mechanism).

“Ci sono molte soluzioni tecniche su come potrebbe essere fatto”, ha detto. “Se c‘è buona volontà, posso pensare a 10-15 soluzioni adesso su come potrebbe essere fatto. Se non c‘è volontà politica allora per ogni soluzione posso pensare ad uno svantaggio”.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below