9 giugno 2015 / 09:25 / tra 2 anni

RES PUBLICA - Renzi contro la minoranza della minoranza Pd e la sinistra asociale

ROMA (Reuters) - La “minoranza della minoranza” del Pd, quella che dopo aver perso le primarie “scappa con il pallone”, cioè non accetta i risultati e ha votato alle Regionali per candidati diversi da quelli appoggiati dal partito, è il nemico di Matteo Renzi.

Il premier Matteo Renzi. REUTERS/Francois Lenoir

Nella relazione alla direzione in notturna del partito (iniziata alle 21,40 di ieri sera) sul dopo risultati delle Regionali, il segretario ha spiegato la sua strategia: dialogo sì, ma non con tutti, non con gli oltranzisti. Solo con coloro che sono disponibili a trovare in 15 giorni modifiche accettabili sulla riforma della scuola ed anche su quella del Senato, senza stravolgere i due disegni di legge.

La strategia di Renzi è chiara: riuscire a ricompattare il partito, ammorbidendo (si vedrà in futuro se con concessioni reali o solo di forma) le proprie posizioni almeno nei toni. Ma agli oltranzisti il richiamo è chiaro: oltre il Pd c‘è il vuoto, visto che la cosa rossa di Maurizio Landini ha colorazioni oltranziste e barricadere di una “sinistra asociale”, molto di lotta ma incapace di essere in alcun modo di governo.

Il gioco è limitare il più possibile quella “minoranza della minoranza”, perdendo meno parlamentari possibile, specialmente al Senato, dove Renzi ha bisogno di mantenere i voti per giungere alla fine della legislatura.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below