20 maggio 2015 / 08:59 / tra 3 anni

Italia, Istat: part-time involontario cresce con crisi

ROMA (Reuters) - Cresce con la crisi l‘esercito degli italiani che si trovano costretti ad accettare un lavoro part-time, come mette in luce il Rapporto annuale 2015 dell‘Istat, presentato oggi a Montecitorio.

Italia, Istat: part-time involontario cresce con crisi. L'immagine ha puro carattere illustrativo REUTERS/Antonio Bronic

“L‘unica forma di lavoro che continua a crescere quasi ininterrottamente dall‘inizio della crisi è il part time”, aumentato tra 2008 e 2014 di 784.000 unità (+23,7%) arrivando lo scorso anno a superare i 4 milioni di occupati, il 18,4% del totale, precisa il rapporto.

Ma a colpire è l‘incidenza del cosiddetto part-time involontario, che riguarda chi vorrebbe un lavoro a tempo pieno ma non lo trova. L‘incidenza dei part-time “involontari” sul totale degli occupati a orario ridotto è passata infatti dal 40,2% nel 2008 al 63,6% nel 2014, a fronte del 24,4% della media Ue.

Si tratta di un fenomeno più diffuso tra under 35, residenti nel Mezzogiorno, lavoratori con basso titolo di studio e stranieri, anche se negli ultimi sei anni è cresciuto anche al Nord, tra i meno giovani, nelle piccole imprese e in quasi tutti i settori produttivi.

LAUREA “PAGA” ANCORA, SEMPRE PIU’ DOTTORI RICERCA ALL‘ESTERO

In un Paese che lo scorso anno ha registrato un tasso record di disoccupazione al 12,7%, che arriva al 42,7% per il 15-24enni, la laurea offre ancora maggiori chance di trovare un impiego.

Nel 2014 il tasso di disoccupazione dei laureati era del 7,8%, quasi nove punti in meno rispetto a quello di chi possiede la licenza media.

Il tasso di occupazione dei laureati è del 75,5%, contro il 62,6% dei diplomati e il 42% dei meno istruiti. Da segnalare che tra i lauerati guadagnano di più gli uomini.

Dal rapporto emerge anche come un numero sempre maggiore di dottori di ricerca (che nel 90% dei casi risultano occupati a quattro anni dal conseguimento del titolo) decida di lasciare l‘Italia: vive infatti all‘estero il 13% di quelli che hanno conseguito il dottorato nel 2008 e 2010, contro il 7% delle coorti 2004 e 2006.

(Antonella Cinelli)

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below