January 9, 2020 / 7:16 AM / a month ago

BORSA TOKYO-Rialzo più alto da un mese su attenuati timori guerra Usa-Iran

TOKYO, 9 gennaio (Reuters) - L’azionario nipponico chiude con il rialzo più consistente da quasi un mese, recuperando tutte le perdite della sessione precedente, dopo che Stati Uniti e Iran hanno manifestato il loro desiderio di evitare ulteriori conflitti militari.

** Il Nikkei ha guadagnato il 2,31% a 23.729,87, il maggior aumento percentuale giornaliero dal 13 dicembre.

** Il benchmark giapponese ha cancellato le perdite dell’1,57% di ieri, innescate dagli attacchi missilistici iraniani contro alcune strutture che ospitano le forze militari statunitensi in Iraq lanciati per vendicare l’uccisione di un eminente generale iraniano la scorsa settimana da parte degli Stati Uniti.

** Il più ampio Topix è cresciuto dell’1,63% a 1.729,05.

** L’attacco ha inizialmente turbato i mercati finanziari globali poiché ha alimentato i timori di un più ampio conflitto in Medio Oriente.

** Tuttavia nei mercati è tornata la calma dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato che non vi erano vittime e che gli Usa non dovranno necessariamente reagire.

** Inoltre, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha detto che l’attacco missilistico “ha concluso” la risposta di Teheran all’uccisione di Qassem Soleimani della scorsa settimana, che era l’artefice della costruzione della rete iraniana di eserciti in tutto il Medio Oriente.

** “Per ora c’è un senso di sollievo, ma potrebbero sorgere ulteriori problemi in futuro se l’opinione pubblica iraniana non accetta questa pausa nelle ostilità” ha detto Yutaka Masushima, analista di mercato a Monex Securities a Tokyo.

** I settori della tecnologia e dei beni di consumo voluttuari hanno registrato le performance migliori, sostenuti dal rialzo del produttore di parti elettriche OMRON e del produttore di videogiochi BANDAI NAMCO HOLDINGS.

** Tra i migliori in termini percentuali, la società di media online CYBERAGENT in rialzo del 6,77%, seguita dal produttore di apparecchiature per la produzione di semiconduttori SCREEN che ha guadagnato il 6,1% e il produttore di apparecchi fotografici e dispositivi medici FUJIFILM che ha chiuso a +6,04%.

** Tra i peggiori, la compagnia petrolifera INPEX, in calo del 2,7%, seguita dal conglomerato di petrolio e metalli JXTG che ha ceduto il 2,68% e la società di ingegneria JGC HOLDINGS CORP <1963. T> che ha scambiato in ribasso dell’1.44%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below