January 31, 2020 / 4:06 PM / 5 months ago

Visa e Mastercard potrebbero entrare nel club delle società da 1.000 mld dlr

NEW YORK, 31 gennaio (Reuters) - I colossi tecnologici e internet sono stati i primi a raggiungere i 1.000 miliardi di dollari di capitalizzazione in borsa, ma le prossime società statunitensi che potrebbero toccare questa soglia sono più note per la loro plastica.

Il rialzo dell’azionario sta spingendo le società di carte di credito e debito Visa e Mastercard a scalare le classifiche della capitalizzazione di borsa, dove attualmente occupano rispettivamente il settimo e l’undicesimo posto tra i componenti dell’indice S&P 500. I titoli Visa e Mastercard hanno guadagnato circa il 50% nell’ultimo anno.

Anche se potrebbe essere difficile mantenere un passo simile, Visa e Mastercard potrebbero superare i 1.000 miliardi di dollari di valore ciascuna entro il 2023 se dovessero confermare i guadagni medi degli ultimi tre anni, superando giganti del calibro di FACEBOOK e BERKSHIRE HATHAWAY , se anche queste mantenessero il ritmo recente.

Ad alimentarne la salita uno spostamento verso le transazioni finanziare senza contante, sostenuto da un aumento dello shopping online.

Visa ha un valore di borsa di 449 miliardi di dollari e Mastercard si attestava alla chiusura di ieri intorno a 324 miliardi. Il club da 1.000 miliardi di dollari al momento include Apple, Microsoft e la proprietaria di Google, Alphabet.

Amazon.com valeva ieri intorno ai 927 miliardi di dollari, anche se il titolo del leader dell’e-commerce leader è balzato nel dopo borsa sulla scia dei risultati trimestrali e sale di quasi il 10% circa un’ora dopo l’apertura della sessione odierna, indirizzando il titolo verso la rottura della soglia dei 1.000 miliardi di dollari, come avvenuto brevemente a settembre 2018.

I ricavi di Visa e Mastercard sono quasi raddoppiati nel corso degli ultimi cinque esercizi fiscali, a quasi 23 miliardi di dollari per Visa e a circa 17 miliardi per Mastercard, secondo i dati Refinitiv. L’eps adjusted è più che raddoppiato per entrambe le società nel periodo.

Visa ha annunciato ieri sera ricavi trimestrali leggermente al di sotto delle stime degli analisti, un giorno dopo i risultati di Mastercard, che hanno invece superato le aspettative per gli utili.

Circa il 43% degli acquisti dei consumatori in tutto il mondo, Cina esclusa, sono effettuati attraverso una forma di pagamento digitale, in rialzo dal 28% nel 2010, secondo Lisa Ellis, senior analyst di MoffettNathanson.

Visa ha una quota del mercato delle carte di credito e debito pari al 60%, seguita da Mastercard al 30%, secondo Ellis, con American Express molto indietro all’8,5%.

Le loro valutazioni sono cresciute ai massimi in almeno un decennio. Visa tratta a un prezzo pari a circa 31 volte le stime di utile sui prossimi 12 mesi, mentre Mastercard ha un multiplo pari a 35, secondo Datastream di Refinitiv. Entrambi i titoli scambiano a un premio sul mercato più alto rispetto alla media degli ultimi cinque anni.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below