31 agosto 2009 / 11:04 / tra 8 anni

Borsa Milano conferma calo a metà seduta, pesano banche

MILANO, 31 agosto (Reuters) - A metà giornata i realizzi continuano a zavorrare Piazza Affari, in una seduta all‘insegna della debolezza per tutte le borse europee dopo il brusco calo dell‘azionario di Shanghai, che ha perso il 6,7%.

“La Cina è scesa molto e ha pesato negativamente su tutti”, commenta un‘operatrice. “Inoltre con Londra chiusa i volumi non sono molti”.

A Milano i ribassi sono guidati dai bancari dopo una settimana ricca di risultati semestrali che ha visto correre molti titoli del comparto.

“Il settore continua a tenere banco. Oggi vediamo prese di profitto perché tanti avevano performato molto bene”, osserva l‘operatrice.

Intorno alle 12,45 l‘indice FTSE Mib .FTMIB cede l‘1,3%, il FTSE AllShare .FTITLMS l‘1,22% e il FTSE MidCap .FTITMC l‘1,11%. Volumi per poco più di un miliardo di euro.

Il benchmark europeo Dj Stoxx 600 arretra dello 0,5% mentre a Wall Street i futures viaggiano in negativo.

* Nelle ultime posizioni del paniere principale spiccano i bancari, guidati da UBI (UBI.MI) - che ha annunciato i dati sabato - con un -4%. Secondo Citi l‘utile del secondo trimestre è inferiore al consensus e il margine di interesse in calo del 5% su trimestre “è la peggiore performance tra le banche italiane che copriamo”. Un‘operatrice sottolinea che “il mercato ha risposto in modo negativo anche se l‘outlook non è brutto, ma il titolo è un po’ più caro di altre popolari e quindi gli investitori sono passati a prendere profitto”.

In Europa il Dj Stoxx del settore .SX7P arretra dello 0,8% mentre a Milano i ribassi sono nell‘ordine di 1,8-2,8% per INTESA SANPAOLO (ISP.MI), UNICREDIT (CRDI.MI), MPS (BMPS.MI), BANCO POPOLARE BAPO.MI e POP MILANO PMII.MI.

* Venduta anche FIAT FIA.MI, in calo dell‘1,8% tra titoli auto negativi in tutta Europa (-1%).

* Tra i pochi segni positivi del FTSE Mib si distinguono titoli tradizionalmente difensivi come le utility TERNA (TRN.MI), SNAM RETE GAS (SRG.MI) e A2A (A2.MI). Bene anche PARMALAT (PLT.MI) e AUTOGRILL (AGL.MI).

* ENI (ENI.MI) poco mossa ma con volumi vivaci, “già in apertura pari a quelli dell‘intera giornata di venerdì”, sottolinea la trader. “Si avvicina la scadenza per l‘acconto del dividendo, con stacco il 21 settembre, e c’è chi comincia a comprare per approfittarne”.

* TISCALI (TIS.MI), reduce dalla fiammata post-semestrale di venerdì, lascia sul campo il 4,5%.

* Tra i minori balza MONDO TV (MTV.MI) dopo che il gruppo ha rivisto al rialzo le stime per l‘utile netto 2009.

* Denaro anche su RISANAMENTO (RN.MI), che sale di quasi il 12% in attesa del cda, previsto per oggi, su piano di salvataggio e semestrale.

* ANTICHI PELLETTIERI AP.MI, in asta di volatilità, segna un calo teorico di quasi il 25% dopo che la società di revisione non ha espresso un giudizio sui conti del semestre della società. Intanto le azioni della controllante MARIELLA BURANI MBFG.MI sono state sospese dalle negoziazioni a tempo indeterminato. “Su Antichi Pellettieri le notizie dal punto di vista dei fondamentali non sono belle e si scarica anche quello che non si può scaricare su Mariella Burani”, dice un‘operatrice.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below