29 settembre 2009 / 10:55 / 8 anni fa

Borsa Milano positiva, bene media e assicurazioni, giù utility

MILANO, 29 settembre (Reuters) - Piazza Affari chiude la mattina in lieve rialzo, tra borse europee poco mosse in vista di un avvio fiacco di Wall Street.

A Milano la giornata resta focalizzata sui consigli di Unicredit e Intesa Sanpaolo, che oggi riuniranno i rispettivi consigli per decidere sulle misure da adottare per rafforzare il patrimonio. Vivaci gli editoriali, soffrono le utility coinvolte dal decreto per la restituzione degli aiuti di Stato.

Intorno alle 12,45 l‘indice FTSE Mib .FTMIB guadagna lo 0,33%, l‘AllShare .FTITLMS lo 0,28% e il MidCap .FTITMC cede lo 0,17%. Volumi per 1,6 miliardi di euro circa.

I futures sugli indici di Wall Street sono in lieve calo SPc1 DJc1 NDc1.

Oggi sono partiti i nuovi orari di Borsa Italiana, armonizzati con quelli del London Stock Exchange (LSE.L). * Salgono gli editoriali guidati da MONDADORI (MOED.MI), spinti dagli studi di alcuni broker e da un generale ritorno di interesse degli investitori per un comparto a lungo trascurato. [ID:nLT502233]. In controtendenza MEDIASET (MS.MI), ieri sugli scudi.

* Accelerano GENERALI (GASI.MI) e ALLEANZA ALZI.MI tra assicurativi tonici anche in Europa .SXIP. Oggi l‘AD del gruppo triestino Sergio Balibinot ha spiegato a Il Sole 24 Ore che la riorganizzazione delle controllate in Spagna dovrebbe portare a un risparmio di costi del 10%.

* Acquisti, ancora, su FINMECCANICA SIFI.MI. Akros ipotizza in una nota che, nonostante la smentita di trattative per un contratto in Algeria, la società possa comunque essere al lavoro per qualche grossa commissione in quella zona. Nomura ha alzato il target a 14 euro confermando il giudizio “buy”.

* Migliorano le banche (+0,5% in Europa .SX7P) con MEDIOBANCA (MDBI.MI) e BANCO POPOLARE BAPO.MI. INTESA (ISP.MI) è piatta, mentre UNICREDIT (CRDI.MI) conferma l‘intonazione positiva (+1,6%).

* Tra i ribassi in evidenza il -2,4% di A2A (A2.MI) e il -3% di ACEA (ACE.MI), tra le utility colpite dal decreto per la restituzione degli aiuti di Stato. IRIDE IRD.MI cede l‘1%, come ENIA EN.MI. Proprio a causa del decreto, Akros ha tagliato A2A a “neutral” da “buy” con target ridotto a 1,4 da 1,75 euro, mentre su Iride ha rivisto il target a 1,75 da 2,5 euro. La banca sottolinea che il rischio legato alla nuova norma potrebbe far rimandare o addirittura mettere in discussione la fusione di Iride con Enia.

* Debole LOTTOMATICA LTO.MI. Secondo Moody’s i suoi rating potrebbero finire sotto pressione se la leva aumentasse in occasione della gara per il rinnovo della concessione del Gratta e Vinci.

* SAFILO (SFLG.MI) non riesce a fare prezzo con un rialzo teorico dell‘11% dopo indiscrezioni stampa su un interesse di un fondo olandese per la rete di negozi. “Il titolo gode di un certo appeal speculativo”, osserva un analista. In una nota la società ribadisce che non aver rivecuto offerte vincolanti.

* Spunti al rialzo su REALTY VIALOG RLT.MI su cui Industria e Innovazione ha lanciato un‘Opa a 2,5 euro.

* Forti acquisti su AICON BW1.MI, in asta per eccesso di rialzo, dopo il sì delle banche al piano di risanamento.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below