29 ottobre 2009 / 12:19 / 8 anni fa

Borsa Milano poco mossa in attesa Pil Usa, bene Fiat, giù Eni

MILANO, 29 ottobre (Reuters) - Piazza Affari attende sulla parità l‘importante dato Usa sul Pil approfittando del clima di generale ottimismo per riprendere i mano alcuni temi sotto pressione nelle ultime sedute.

Aiutano il listino i rimbalzi, prevalentemente di natura tecnica, dei titoli automotive e finanziari, mentre pesa il forte calo di Eni dopo i risultati del trimestre.

“Il mercato è concentrato sull‘attesa del Pil americano e al momento, come si vede anche dal rialzo dei futures Usa, c’è un generale clima di ottimismo”, dice un trader.

Tra i singoli temi il trader sottolinea il rimbalzo dei bancari sulla scia del rialzo di Deutsche Bank DBKG.DE sui risultato del terzo trimestre e del rally di Ing ING.AS dopo lo scivolone delle ultime tre sedute che ha spazzato via oltre sei miliardi di capitalizzazione del colosso olandese.

Le attese sulla stima del Pil Usa per il terzo trimestre sono di +3,3%. La pubblicazione del dato è previsto per le 13,30 italiane.

Intorno alle 13,00 l‘indice FTSE Mib .FTMIB e l‘AllShare .FTITLMS sono piatti, il MidCap .FTITMC sale dell‘1% crica. Volumi per 1,9 miliardi di euro.

* Prosegue l‘ampio rimbalzo per FIAT FIA.MI, che dopo un avvio pesante, sale del 3,7% tra auto europee in rialzo dell‘1,2% .SXAP. I trader spiegano che si tratta di un movimento tecnico dopo l‘ultimo crollo del titolo anche se dai massimi. In scia la controllante EXOR (EXOR.MI) guadagna il 2.6%.

* Respirano banche e assicurazioni in un contesto positivo in tutta Europa .SX7P .SXIP. UNICREDIT (CRDI.MI) interrompe la serie di sette sedute consecutive di cali e sale dell‘1,2%. All‘indomani dei conti trimestrali bene anche MEDIOBANCA (MDBI.MI) (+1%) che beneficia della promozione di Cheuvreux a “outperform” da “underperform” e BANCO POPOLARE BAPO.MI (+2%)

* Tra gli assicurativi UNIPOL (UNPI.MI) sale di oltre il 3% e FONDIARIA SAI FOSA.MI di oltre il 2%..

* Resta in forte calo ENI (ENI.MI) (-3,1%) dopo i dati trimestrali, che trader e analisti giudicano nel complesso in linea con le attese. Per gli operatori il ribasso è da attribuire alla delusione del mercato per la revisione al ribasso delle stime di crescita della produzione. Il comparto oil .SXEP cede l‘1,5%

* Deboli gli altri energetici SAIPEM (SPMI.MI), ENEL (ENEI.MI) e TERNA (TRN.MI)

* In calo dello 0,8% TELECOM ITALIA (TLIT.MI). Ieri gli azionisti di Telco, con l‘eccezione di Sintonia, hanno rinnovato il patto di sindacato per tre anni con la facoltà di disdetta anticipata.

* Tra i minori da segnalare il rialzo di TISCALI (TIS.MI) che guadagna il 6% dopo il crollo di oltre il 50% di ieri e il +11% di ITALEASE BIL.MI

* RCS (RCSM.MI) sale del 3,2% con volumi sotto la media. Un trader ricorda le dichiarazioni di ieri del direttore generale di Mediobanca, Renato Pagliaro, secondo cui “è innaturale” che una banca sia la principale azionista del gruppo editoriale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below