28 ottobre 2008 / 12:14 / 9 anni fa

Borsa Milano si assesta in rialzo, frenano Unicredit, IntesaSP

MILANO, 28 ottobre (Reuters) - Seduta nel segno della volatilità a Piazza Affari dove le blue chip si rafforzano con ENI (ENI.MI) e SAIPEM (SPMI.MI) a metà seduta, ma i pesanti ribassi dei due maggiori gruppi bancari frenano gli entusiasmi.

Intorno alle 13 lo S&P/MIB .SPMIB recupera a +0,8%, l‘indice Mibtel avanza dell‘1,6% mentre l‘AllStars .ALLSTR guadagna oltre un punto percentuale.

I volumi si attestano a circa 1,15 miliardi di euro.

Il rimbalzo milanese si sintonizza al recupero - più pronunciato - delle borse europee (Ftseurofirst 300 avanza di oltre il 4%), con il petrolio che risale e supera i 64 dollari contribuendo a ridare slancio ai petroliferi.

Un trader sottolinea come il rialzo monstre di Volkswagen (adesso +51%) - partito ieri dopo la notizia di un rafforzamento di Porsche nel capitale - stia drogando l‘azionario europeo (DJ Stoxx auto +32,9%, Dax +9,3%).

“Volkswagen mi sembra la sintesi di quello che sta succedendo sul mercato dove ci sono riacquisti da parte degli hedge che devono chiudere le posizioni corte”, aggiunge riferendosi alle violente ricoperture che hanno spinto il titolo della casa tedesca sopra la soglia dei 1.000 euro.

Offrono sostegno anche i futures sugli indici americani, in rialzo nel giorno di avvio della riunione del Fomc sui tassi di interesse.

* Non si arrestano tuttavia le vendite su UNICREDIT (CRDI.MI) e INTESA SANPAOLO (ISP.MI), sospese in mattinata a più riprese per eccesso di ribasso.

* Ma il comparto bancario prosegue a due velocità: se anche POPOLARE MILANO PMII.MI non interrompe il declino borsistico, BANCO POPOLARE BAPO.MI, UBI BANCA (UBI.MI) e MEDIOBANCA (MDBI.MI) mettono a segno rialzi compresi fra lo 0,5% e il 4,5%.

* Al palo PARMALAT (PLT.MI), volatile GENERALI (GASI.MI) in attesa della trimestrale giovedì. * Il settore energy del Vecchio Continente balza del 6,6% galvanizzato dai risultati record di BP (BP.L). SAIPEM (SPMI.MI) guadagna più dei concorrenti dopo aver incassato due nuovi contratti da 1,1 miliardi di dollari. Dopo una mattinata volatile ENI ha ampliato i guadagni: l‘AD Paolo Scaroni ha ribadito che, nonostante il brusco calo delle quotazioni del greggio, non ci saranno tagli ai progetti petroliferi.

* IRIDE IRD.MI ed ENIA EN.MI festeggiano l‘accordo trovato per le nozze e vanno verso l‘allineamento del concambio, stabilito in 4,2 azioni Iride ogni azione Enia.

* Rimbalza FIAT FIA.MI e le ricoperture premiano anche TENARIS (TENR.MI), che nei giorni scorsi aveva scontato l‘esposizione all‘Argentina.

* In grande spolvero LUXOTTICA (LUX.MI) che oggi, a mercati chiusi, diffonde la trimestrale.

* Mattinata in altalena per SEAT PGIT.MI: a metà seduta le quotazioni si stabilizzano su un progresso di oltre il 4%. A sostenere le quotazioni di un titolo che è sceso questo mese fino a 0,051 euro, secondo un giornale, sono le attese per il piano industriale e per un possibile cambio ai vertici.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below