26 giugno 2009 / 11:58 / tra 8 anni

Borsa Milano sotto massimi, frenata da volumi scarsi

MILANO, 26 giugno (Reuters) - Piazza Affari rimane positiva anche se riduce i guadagni della mattinata.

Gli operatori insistono nel sottolineare che a causa dei volumi scarsi la borsa non ha la forza per salire in maniera decisa e rompere le resistenze.

Un trader spiega che l‘indice DJ Euro Stoxx 50 .STOXX50E ha fallito la rottura al rialzo dell‘area 2.430, da lì è partito il ritracciamento delle borse.

I volumi ridotti rendono volatili numerosi titoli, vittime anche di forti oscellazioni.

Intorno alle 13,30 l‘indice Ftse/Mib .FTMIB sale dello 0,53%, il Ftse/All Share .FTITLMS dello 0,6%. Volumi per circa 1 miliardo di euro. Wall Street attesa negativa dopo il rialzo del 2% della vigilia NDU9 SPU9 DJU9.

Oggi interesse su settori, scarsi i movimenti di singoli titoli. Denaro sui petroliferi, scia recupero prezzo del greggio sopra i 70 dollari al barile, su cemento e costruzioni, mentre rimangono al palo utility e qualche bancario.

* In cima al paniere principale rimane BUZZI UNICEM (BZU.MI) e ANSALDO (STS.MI). Positivi altri titoli del settore cemento e costruzioni, in linea con il comparto europeo .SXOP.

* Bene le assicurazioni, anche in Europa .SXIP, i petroliferi e affini .SXEP, mentre sono deboli le utility, con ENEL (ENEI.MI) in calo dello 0,42% .SX6P.

* INTESA SANPAOLO (ISP.MI) positiva anche se sotto i massimi di seduta dopo che ieri Generali e Crédit Agricole (CAGR.PA) hanno annuncia un nuovo accordo su Intesa Sanpaolo. Nel complesso, comparto bancario positivo in Italia e in Europa .SX7P.

* BANCO POPOLARE BAPO.MI rallenta il passo, in rialzo di oltre l‘1%. L‘AD Pierfrancesco Saviotti ha dichiarato al Sole 24 Ore che entro un mese chiuderà l‘emissione del primo Tremonti-bond. Il banchiere si è anche soffermato sulle cessioni in corso da parte della banca.

* Nel paniere principale un po’ di debolezza su AUTOGRILL (AGL.MI), POP MILANO PMII.MI, LUXOTTICA (LUX.MI) e MEDIOLANUM MED.MI e tra i bancari su UNICREDIT (CRDI.MI) e MPS (BMPS.MI).

* Cede circa il 5% L‘ESPRESSO ESPI.MI. Dopo l‘exploit del 24 giugno, con l‘annuncio della querela nei confronti del premier Berlusconi, il titolo ieri e oggi realizza. Un trader non esclude timori mercato che questo scontro possa tradursi in perdite di introiti pubblicitari per il gruppo editoriale.

* Tra i minori, pesante SAFILO (SFLG.MI). Il mercato attende novità sulle trattative con il potenziale partner e le banche, intanto la società veneta incassa il downgrade da parte dell‘agenzia di rating Fitch.

* AS ROMA (ASR.MI) soffre in borsa la rottura delle trattative tra la famiglia Sensi e la cordata guidata da Vinicio Fioranelli. Ieri l‘azionista di maggioranza ha comunicato in serata che “ad oggi non si sono realizzate le condizioni per proseguire nella valutazione di un‘eventuale operazione” con la cordata.

* Brilla RATTI (RATI.MI), che recupera il -13% perso ieri. La società è al centro dell‘attenzione dopo l‘interesse manifestato nei giorni scorso da parte di una ramo della famiglia Marzotto.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below