24 agosto 2009 / 16:04 / 8 anni fa

Borsa Milano chiude sopra 2%, ritocca massimo 10 mesi, su banche

MILANO, 24 agosto (Reuters) - Piazza Affari archivia una giornata decisamente positiva, con l‘indice FTSE MIB che chiude con un rialzo di oltre due punti percentuali e rinnova il massimo degli ultimi 10 mesi, prima di ripiegare leggermente.

I progressi della borsa milanese, favoriti dal clima di fiducia sullo stato generale dell‘economia e consolidati dalla buona partenza di Wall Street, ricevono contributi da più versanti. Ai titoli cementieri e bancari particolarmente tonici si aggiungono alcune notizie ben accolte dal mercato, come l‘upgrading di Unicredit da parte di Goldman Sachs e le voci sul piano di salvataggio di Risanamento.

“Siamo sulla falsariga della fine della scorsa settimana, con una buona giornata in cui si inserisce una certe euforia sull‘immobiliare dopo le voci su Risanamento e per il comparto bancario”, dice un trader. “Ma in generale il mercato non sembra conoscere soste, segue una sola direzione. Qualcuno comincia a dubitare della sostenibilità della situazione attuale. Ma per il momento si continua a salire, è un mercato fatto da operazioni di trading, con una presenza ancora ridotta degli investitori istituzionali”.

L‘indice FTSE Mib .FTMIB chiude in rialzo del 2,09% a 22.354,86 punti, dopo aver rinnovato il massimo dell‘anno a 22.391,60 punti. Il FTSE AllShare .FTITLMS avanza dell‘1,95% e il FTSE MidCap .FTITMC dell‘1,38%.

I volumi si attesano sui 2,7 miliardi di euro.

* Dopo il rally della settimana scorsa, allungano ulteriormente il passo i cementieri. L‘outlook resta positivo per il settore a livello europeo, dopo la buona trimestrale del colosso svizzero Holcim sul finore della scorsa settimana, che vale oggi un upgrade da parte di Deutsche Bank.

BUZZI UNICEM (BZU.MI) e ITALCEMENTI ITAI.MI chiudono rispettivamente a +5,8% e +4,9%, mentre fuori dal paniere principale corrono CEMENTIR (CEMI.MI) a +5,0% e ITALMOBILIARE (ITMI.MI), controllante di Italcementi, a +6,4%.

* Goldman Sachs ha alzato il target price di UNICREDIT (CRDI.MI) da 2,50 a 3,0 euro, lanciandola a +5,2%. L‘istituto di piazza Cordusio segna il nuovo massimo annuale a 2,5825 euro e trascina i listini del settore. UNIPOL (UNPI.MI) segna il +3,9%, mentre INTESA SANPAOLO (ISP.MI), MEDIOBANCA (MDBI.MI) e UBI (UBI.MI) guadagnano tutte tra il 2 e il 3%.

La banca guidata da Corrado Passera (+2,7%) non sembra accusare le previsioni degli analisti che vedono un utile netto del secondo trimestre in calo a 419 milioni, contro 1,357 miliardi dello scorso anno e i 644 milioni del primo trimestre. Sfiora il +2% MONTEPASCHI (BMPS.MI).

BANCA FINNAT (BFE.MI) è il titolo migliore con +19,3%.

* Brilla anche il settore immobiliare. Nel listino principale chiude a +3,1% IMPREGILO IPGI.MI. Tra le small e mid cap del settore, RISANAMENTO (RN.MI) chiude a +14% dopo essere stata sospesa in asta di volatilità.

Nel week-end diversi quotidiani hanno riportato indiscrezioni sul piano di salvataggio. Volano anche BASTOGI (BTGI.MI) a +16,7% e PIRELLI REAL ESTATE (PCRE.MI) a +14,2%.

* Fa storia a sé il balzo a +3,9% di A2A (A2.MI). Il presidente del consiglio di gestione, Giuliano Zuccoli, ha annunciato per settembre alcune decisioni rispetto alla partecipazione in EDISON EDN.MI. Quest‘ultima cresce a sua volta dell‘1,2%.

* Tra i protagonisti della giornata si inserisce BULGARI BULG.MI con un rialzo del 4,8% sulla scia dell‘upgrade da parte di Morgan Stanley.

* Positiva ma più contenuta, a dispetto del rally del greggio, la performance di ENI (ENI.MI), che chiude a +0,8% mentre la rivale Nippon Oil 5001.T viene data “molto vicina” ad aggiudicarsi il contratto per lo sviluppo del giacimento di Nassiriya, per cui la petrolifera di San Donato era in lizza. Meglio SAIPEM (SPMI.MI) a +1,9%, mentre perde il 2,2% TENARIS (TENR.MI).

* Fuori dal listino principale, corre a +10% SNAI (SNAI.MI), che tratta con Sisal e alcune concorrenti estere per contendere a LOTTOMATICA LTO.MI la concessione per la gestione della lotteria Gratta & Vinci. Lottomatica chiude a +1,2%.

* Tra le small e mid cap, vola a +7% DANIELI (DANI.MI). Il gruppo siderurgico ha annunciato nel fine settimana di essersi aggiudicato un contratto in Arabia Saudita del valore di 148,8 milioni di euro.

* CELL THERAPEUTICS (CTIC.MI) guadagna il 3,7%. La società di biotecnologie ha ottenuto dalla Food and drug administration Usa l‘avviamento dell‘iter di autorizzazione del pixantrone, un farmaco tumorale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below