23 settembre 2008 / 07:42 / 9 anni fa

Borsa Milano in calo, in luce Finmeccanica, giù finanziari

MILANO, 23 settembre (Reuters) - Dopo una partenza indecisa tra denaro e lettera, a Piazza Affari prevale la tendenza ribassista, inaugurata nuovamente ieri, dopo le marcate perdite di Wall Street.

Ma alcuni spunti, soprattutto tra le blue chip, consentono di arginare le perdite a Milano, rispetto al resto dell‘Europa. E’ il caso di ENI (ENI.MI), il titolo “più pesante” del paniere principale.

Intorno alle 9,30 l‘indice Mibtel .MIBTEL cede lo 0,44%, l‘S&P/Mib perde lo 0,36%. AllStar .ALLST in calo dello 0,66%.

* Denaro anche su FINMECCANICA SIFI.MI. Il presidente Guarguaglini dalle pagine del Sole 24 Ore rassicura sulla continuazione dell‘operazione di ricapitalizzazione per l‘acquisizione di Drs anche con l‘uscita di scena di Lehman, uno degli advisor.

* Bancari e assicurativi in prevalenza venduti tranne poche eccezioni come BANCO POPOLARE BAPO.MI e Unipol (UNPI.MI). Da oggi vietate le vendite allo scoperto su entrambi i settori.

* Nelle retrovie la sempre volatile SEAT PAGINE GIALLE PGIT.MI dopo il balzo della vigilia.

* Tra i minori, in luce MAIRE TECNIMONT (MTCM.MI) che si è aggiudicata una commessa nella Repubblica Slovacca il cui valore, secondo Mf, potrebbe arrivare fino a 250 milioni di euro.

* Prosegue la risalita indisturbata di STEFANEL (STEP.MI), in atto ormai da inizio settembre con volumi interessanti. Il titolo è comunque ancora ben al di sotto dei massimi di 1,16 euro toccati a inizio gennaio.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below