22 ottobre 2009 / 16:17 / 8 anni fa

Borsa Milano chiude in calo con Fonsai,Espresso, tengono utility

MILANO, 22 ottobre (Reuters) - Piazza Affari chiude negativa una seduta cui nè la tornata di trimestrali americane nè il dato sulla richiesta Usa di sussidi settimanali sono riusciti ad imprimere una direzione diversa. “C’è voglia di scendere ma anche molta liquidità in giro, i realizzi sono tutto sommato contenuti”, commenta un gestore.

“Il dato sulla vendita di case negli Stati Uniti, domani, sarà un altro indicatore cruciale per capire come sta andando l‘economia”, fa eco un trader.

Sotto pressione, anche in Europa, bancari e assicurativi - ma anche i media e i tecnologici, con STM (STM.MI) declassata nella mattina a HOLD da Unicredit.

Alle 17,30 l‘indice FTSE Mib .FTMIB e l‘AllShare .FTITLMS chiudono a -1,5%, il MidCap .FTITMC a -1,4%. Scambi per 3,01 miliardi di euro.

In Europa il DJ Stoxx 600 viaggia a -1,2%. Oltreoceano il Nasdaq .IXIC cede mezzo punto percentuale ma il Dow .DJI, sostenuto dai risultati di 3M (MMM.N), AT&T (T.N) e MC DONALD‘S (MCD.N), guadagna altrettanto.

* In coda al listino FONDIARIA SAI FOSA.MI (-4,7% con -1,5% dello Stoxx di settore .SXIP). Il gruppo ha presentato ieri il piano industriale e oggi Credit Suisse ha alzato il prezzo obiettivo sul titolo a 16 da 14,7 euro.

“Sono prese di profitto”, sminuisce un trader. In un report di Deutsche Bank si legge che “il titolo resta solido (...) e il piano realistico, con target 2011 raggiungibili”.

* Sott‘acqua le banche, con lo Stoxx di settore .SX7P che cede il 2% circa - meno di INTESA SANPAOLO (ISP.MI) e UNICREDIT (CRDI.MI).

* Negativi i tecnologici in tutta Europa .SX8P, trainati al ribasso da Ericsson (ERICb.ST). A Milano STM (STM.MI) chiude a -2,5%, dopo i risultati annunciati ieri e il taglio del rating da parte di Unicredit.

* Termina con un calo dell‘1,8% TELECOM ITALIA (TLIT.MI), in controtendenza rispetto allo Stoxx di settore .SXKP. I trader citano le parole del presidente Gabriele Galateri di Genola, che ha definito “ragionevoli” le indiscrezioni su Telco circa un rinnovo del patto con una possibilità di uscita a 18 mesi. Il cda sui numeri del trimestre si riunirà il 5 novembre, tra due settimane.

* Positivi i difensivi come SNAM RETE GAS (SRG.MI) e TERNA (TRN.MI). I titoli hanno rendimenti intorno al 6% in termini di cedola e un business molto stabile, dice un trader.

* Rialzo dell‘1% per FINMECCANICA SIFI.MI. Il gruppo sta parlando con Enel (ENEI.MI) ed Areva per riuscire a ritagliarsi un ruolo nei progetti del nucleare italiano, ha riferito ieri l‘AD Pier Francesco Guarguaglini.

* Chiude in ribasso dell‘1,4% FIAT FIA.MI, ma in linea con lo Stoxx di settore .SXAP.

* L‘ESPRESSO ESPI.MI perde ancora il 4,3%, dopo il calo di ieri. I trader imputano le vendite ai deludenti risultati, che hanno evidenziato una caduta dell‘utile a 1,2 milioni e una flessione dei ricavi netti del 16%.

* Meno 18% per TISCALI (TIS.MI), che il 14 ottobre aveva toccato un massimo dell‘anno a 1,82 euro (in calo di 6% anche il diritto), e -7% per SAFILO (SFLG.MI).

Sul debito a lungo di quest‘ultima, che lunedi sera ha presentato un complesso piano di ricapitalizzazione e un nuovo azionista di riferimento, Hal Holding, Moody’s ha mantenuto il rating ‘Caa3’.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below