20 novembre 2008 / 16:55 / tra 9 anni

Borsa Milano cede 2%, acquisti banche nel finale, balzo Tiscali

MILANO, 20 novembre (Reuters) - Piazza Affari chiude in ribasso sopra i minimi dopo un pomeriggio volatile che ha visto vendite in accelerazione dopo i dati macro Usa, che hanno dato un‘ulteriore conferma della debolezza dell‘economia.

L‘indagine congiunturale della Fed di Filadelfia sull‘attività manifatturiera dell‘area Mid-Atlantic a novembre ha evidenziato un indice in calo sui minimi dal 1990.

Il prezzo del greggio è arrivato sotto quota 50 dollari, dando un‘idea delle attese sulla domanda di combustibili, che è legata al ciclo economico. Si guarda con una certa apprensione agli sviluppi sull‘industria auto statunitense, che potrebbe non avere il piano di salvataggio che alcuni attendevano.

L‘S&P/Mib .SPMIB chiude in ribasso del 2,1%, il Mibtel .MIBTEL dell‘2,29% e l‘Allstar .ALLST del 3,14%. Volumi contenuti per 2,2 miliardi di euro.

* Acquisti sui bancari nel finale dopo le vendite dei giorni scorsi. I trader sembrano ignorare quello che alcuni analisti considerano un “rischio Zaleski” per gli istituti italiani.

POP MILANO PMII.MI sale del 2,8% circa dopo una seduta volatile che l‘ha portata a perdere fino a quasi il 2%.

INTESA SANPAOLO (ISP.MI) +0,9%. Secondo uno studio di Cheuvreux sarebbe la più esposta alla Carlo Tassara.

UNICREDIT (CRDI.MI) torna positiva nel finale, me chiude con un -0,9%.

* MEDIASET (MS.MI) in rialzo del 2,9% dopo i dati. Un analista parla di “tenuta dei risultati, esclusa la Spagna”, e di “probabilità che il dividendo rimanga invariato”.

* Balzo ITALCEMENTI ITAI.MI che chiude con un +5%.

* In netto ribasso i titoli legati alle quotazioni del greggio, quindi ENI (ENI.MI) (-4,5%9, SAIPEM (SPMI.MI) (-5,9%) e TENARIS (TENR.MI) (-7,8%).

* PRYSMIAN (PRY.MI) perde ancora in modo deciso (-9,7%), dopo il calo di oltre il 6% e oggi in rosso dell‘8,7%. Un trader chiama la recente rottura della jv con l‘indiana Nicco.

* FIAT FIA.MI (-3,2%), soffre le incertezze riguardo alle politiche nazionali per il settore auto che potrebbero dare vantaggi competitivi alle aziende di alcuni paesi, se ci fossero dei piani di sostegno al settore. Il gruppo chiede infatti che gli aiuti vengano dati in modo uniforme. In netto peggioramento i cds della casa torinese, che oggi sono arrivati al record di circa 1.000 punti (vedi [nLK101060].

* TISCALI (TIS.MI) in controtendenza tra i migliori del listino con un balzo di quasi il 5%, mentre si attende la cessione delle attività inglesi.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below