20 agosto 2008 / 11:19 / tra 9 anni

Borsa Milano in rosso, giù Fiat e Pirelli, deboli le banche

MILANO, 20 agosto (Reuters) - Borsa Milano archivia il rimbalzo abbozzato nelle prime ore di scambi e aggrava le perdite per il peggioramento del settore bancario e di Fiat FIA.MI.

“Dei tre titoli che incidono di più sull‘indice milanese, solo Eni (ENI.MI) è positivo. Fiat FIA.MI sta precipitando e Unicredit (CRDI.MI) è passata in rosso sulla debolezza del settore finanziario europeo”, motiva un trader.

Alle 13,00 l‘indice S&P/Mib .SPMIB perde lo 0,39% a 28.148 punti. Il Mibtel .MIBTEL cede lo 0,34%, mentre l‘AllStars .ALLST scende dello 0,32%. Volumi a 1,12 miliardi di euro. I futures azionari sulla borsa Usa sono in lieve rialzo, facendo pensare a una seduta positiva dopo il brusco calo di ieri.

* In fondo al listino milanese si attesta FIAT FIA.MI, che amplia il calo a -6,39% a 10,64 euro a fronte di un indice stoxx di settore .SXAP in ribasso dello 0,86%. Intensi gli scambi: 28 milioni di azioni passate di mano, pari al 2,6% del capitale, contro una media a 30 giorni di un‘intera seduta a 34 milioni. Il controvalore degli scambi, il più elevato del listino milanese, è pari a 312,76 milioni di euro.

* All‘interno di un settore bancario mal intonato, che, secondo un trader, “risente della fragilità dei finanziari in Europa” (-0,37% lo stoxx europeo delle banche .SX7P), spicca il ribasso di UNICREDIT (CRDI.MI) (-1,3%). Male anche POPOLARE MILANO PMII.MI, che perde il 2,36%, MPS (BMPS.MI), che cede l‘1,56%, e INTESA SANPAOLO (ISP.MI) l‘1,17%.

BANCO POPOLARE BAPO.MI, che ha presentato un esposto alla Consob per segnalare eventuali andamenti anomali del titolo causati dalla speculazione del mercato su una fusione con UBI BANCA (UBI.MI), perde lo 0,94%.

* Tra gli altri ribassi, si segnala FINMECCANICA SIFI.MI (-1,73%). MF scrive che le banche hanno imposto al gruppo guidato da Pierfrancesco Guarguaglini un tetto di 1 miliardo di euro al debito per il finanziamento di nuovi investimenti strategici fino a quando non avrà rimborsato l‘80% del prestito ponte da 3,2 miliardi ottenuto per l‘acquisizione di Drs.

* In forte lettera PIRELLI PECI.MI, UNIPOL (UNPI.MI) e IMPREGILO IPGI.MI.

* Sul fronte degli acquisti, tiene il comparto dell‘energia, che a livello europeo .SXEP registra una crescita dell‘1,8%. SAIPEM (SPMI.MI) è saldo in vetta al paniere principale pur avendo dimezzato i guadagni del mattino; TENARIS (TENR.MI) ed ENI (ENI.MI) limano i rialzi a +1,65% e +1,08% dal 2% circa di qualche ora prima.

* In positivo spicca uno dei peggiori titoli di ieri, SEAT PAGINE GIALLE PGIT.MI (+2,06%), mentre STM (STM.MI) guadagna l‘1,62% sul “mood positivo creato dalla notizia di una joint-venture con la svedese Ericsson (ERICb.ST)”, dice un trader.

* La tendenza generale non risparmia il comparto ‘luxury’ che vede GEOX (GEO.MI), BULGARI BULG.MI e TOD‘S (TOD.MI) ridurre drasticamente il rally della mattinata e LUXOTTICA (LUX.MI) e SAFILO (SFLG.MI) scivolare in rosso.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below