19 giugno 2009 / 09:24 / 8 anni fa

Borsa Milano piatta, banche contrastate, rimbalza Prysmian

MILANO, 19 giugno (Reuters) - A metà mattinata Piazza Affari fatica a trovare una direzione, penalizzata - rispetto ad altre borse europee - dalla debolezza di alcuni titoli bancari.

In una seduta dominata stamattina dalle scadenze tecniche delle “tre streghe” nelle sale operative continuano a lamentare l‘assenza di attività sul mercato.

“Il tono d‘apertura è stato dettato dalle risposte tecniche”, osserva un trader. “Nel complesso è una giornata non particolarmente entusiasmante con pochi flussi”.

Intorno alle 11,00 l‘indice Ftse/Mib .FTMIB cede lo 0,11%, il Ftse/All Share .FTITLMS lo 0,14% e il Ftse/Mid Cap .FTITMC lo 0,24%. I volumi, gonfiati in avvio dalle scadenze, si attestano intorno a 2,4 miliardi di euro.

Il benchmark europeo DJ Stoxx 600 sale dello 0,75%.

* Contrastate le banche in un comparto positivo a livello europeo (+1% circa lo Stoxx .SX7P). UBI (UBI.MI), che ieri ha approvato le condizioni definitive del prestito obbligazionario convertibile, sale di oltre il 2%. Positive anche MPS BMP.MI, MEDIOBANCA (MDBI.MI) e UNICREDIT (CRDI.MI), mentre INTESA SANPAOLO (ISP.MI), POP MILANO PMII.MI e BANCO POPOLARE BAPO.MI arretrano di circa due punti percentuali.

* Rimbalzano alcuni titoli più colpiti di recente dalle vendite come PRYSMIAN (PRY.MI), +2,3%.

* Bene anche ENEL (ENEI.MI) con un progresso dell‘1,8%. Un operatore ricorda che oggi è l‘ultimo giorno dell‘aumento di capitale e che lunedì è in calendario lo stacco della cedola.

* Reazioni opposte per i due gruppi media che fanno capo a Fininvest, che ieri ha annunciato un calo del 64% dell‘utile netto 2008: MONDADORI (MOED.MI) lascia sul terreno il 2% mentre MEDIASET (MS.MI) prosegue il trend positivo della vigilia con un +0,6%.

* Debole FIAT FIA.MI, in calo di circa il 2% in un comparto europeo che cede l‘1,6%.

* Ancora venduta PIRELLI PECI.MI, in ribasso dell‘1,4%. Secondo un operatore la recente flessione del titolo “riflette la volatilità di PIRELLI REAL ESTATE (PCRE.MI)”. Al quinto giorno dell‘aumento di capitale il titolo della società immobiliare perde l‘11% e i diritti PCRE_r.MI arretrano del 16%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below