17 giugno 2009 / 11:11 / tra 8 anni

Borsa Milano conferma calo a metà seduta, sale Finmeccanica

MILANO, 17 giugno (Reuters) - A Piazza Affari la lettera continua a dominare una seduta caratterizzata, come quelle precedenti, da una rotazione settoriale a scapito dei comparti che erano saliti di più e da volumi sotto tono.

Dal punto di vista tecnico gli scambi sono condizionati dalle imminenti scadenze di venerdì.

“Sono ancora i titoli che avevano fatto meglio quelli che oggi soffrono di più. A livello settoriale, in Europa i migliori sono tlc e healthcare mentre arretrano le utility, penalizzate dalla componente commodity che soffre particolarmente”, commenta un‘operatrice.

Intorno alle 12,40 l‘indice Ftse/Mib .FTMIB cede l‘1,73%, il Ftse/All Share .FTITLMS l‘1,72% e il Ftse/Mid Cap .FTITMC il 2,18%. Volumi per circa 1,3 miliardi di euro.

In Europa il benchmark DJ Stoxx 600 perde l‘1,64%. Poco mossi i futures americani.

* FINMECCANICA SIFI.MI continua a sfidare la debolezza generalizzata del mercato difendendo un progresso dell‘1,8% sulla scia delle notizie di nuovi ordini provenienti dal salone aerospaziale di Le Bourget. “Nessuno si aspettava grandi novità ma qualcosa in termini di ordini stanno raccogliendo, complessivamente si tratta di cifre interessanti”, osserva un‘operatrice. “Il titolo inoltre nelle scors sedute aveva mancato il rialzo del mercato perché vissuto come più difensivo e perché aveva sofferto per l‘elicottero presidenziale Usa”.

* In calo del 4% circa CIR (CIRX.MI) dopo l‘annuncio della conversione del bond da parte di Verbund, operazione che porta il gruppo tedesco al 44,77% di Sorgenia. “Non mi sembra ci siano novità, sono prese di profitto anche alla luce del fatto che il titolo era rimasto vicino ai massimi”, commenta un‘operatrice. Anche un altro trader parla di “sell on news”.

* Tra i titoli del lusso, partiti bene questa mattina, mantiene il segno positivo solo LUXOTTICA (LUX.MI). BULGARI BULG.MI, pur promossa da Exane a “outperform” con target di 4,7 euro, cede lo 0,3%.

* Nelle retrovie dell‘indice ribassi oltre il 5% per PRYSMIAN (PRY.MI) e TENARIS (TENR.MI). Quest‘ultima, in mattinata scesa anche sotto quota 10 euro, è particolarmente esposta all‘andamento delle commodity, sottolinea un‘operatrice.

* Ancora venduta anche PIRELLI PECI.MI, -3,8%. PIRELLI REAL ESTATE (PCRE.MI) ritraccia del 14% circa dopo la fiammata delle ultime due sedute legata all‘avvio dell‘aumento di capitale. Scende del 9,5% CAMFIN CAMI.MI, che lunedì aveva messo a segno un‘impennata di oltre il 50%.

* TELECOM ITALIA (TLIT.MI) con un -0,8% appare indifferente alle indiscrezioni di stampa secondo cui il gruppo avrebbe dato mandato a Credit Suisse per cedere la partecipazione in Telecom Argentina.

* Tra i minori, balzo del 9% circa per DMT DMT.MI. Il gruppo ha confermato le indiscrezioni su due commesse in Marocco ed Egitto del valore complessivo di 5 milioni di euro, base per potenziali nuovi sviluppi nel mercato nordafricano.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below